Il nuovo punto family friendly del Consiglio regionale del Piemonte. Un spazio allegro e ospitale per tutte le famiglie.

Capita a tante mamme di trovarsi fuori casa e dover allattare il proprio bambino; succede quotidianamente a genitori o nonni di essere in giro e dover cercare un luogo per scaldare il biberon o cambiare in emergenza il pannolino.

A me è capitato un sacco di volte e talvolta succede ancora: Teo ha deciso che toglierà il pannolino al compimento dei 18 anni!

A parte gli scherzi, sembra incredibile ma non sono numerosi i luoghi nelle nostre città che offrono uno spazio dove poter allattare comodamente o cambiare il bambino in situazioni igieniche e sicure. Pertanto, sono davvero felice di dedicare questo post all’apertura di un nuovo spazio, in pieno centro a Torino, fruibile da chiunque lo desideri, cittadini e turisti.

Ieri mattina, infatti, é stato inaugurato il punto Piemonte family friendly di Palazzo Lascaris in via Alfieri 15 a Torino, sede del Consiglio regionale del Piemonte. Per chi non fosse pratico, via Alfieri si trova in pieno centro storico, tra le piazze San Carlo e Solferino.

Si tratta di uno spazio accessibile a tutti, secondo gli orari di apertura del palazzo (lunedì-venerdì dalle 8 alle 19), coloratissimo e molto accogliente, attrezzato al piano terra dell’edificio con ogni confort per permettere di allattare in tutta tranquillità, cambiare il pannolino, scaldare il biberon e, nel frattempo, far giocare eventuali sorelline o fratellini più grandi. 

La stanza è dotata di due grandi fasciatoi con materassini, due comode poltrone per l’allattamento, uno scaldabiberon, un lavandino, un tavolino con sgabellini, nonché giochi e libri per una pausa rilassante per tutti i bambini, piccoli e grandi. Lo spazio, inoltre, è attiguo ai servizi igienici.

Il prossimo obiettivo del progetto Piemonte family friendly (ideato dal Consiglio regionale, dalla Consulta femminile regionale e da quella delle Elette, in collaborazione con l’associazione Vivere onlus) è arrivare all’apertura di altri punti analoghi, entro il prossimo anno, in numerosi Comuni piemontesi.

Nel mio piccolo ho voluto partecipare a questa bella iniziativa con un gesto minuscolo: donare alcuni giochi e libri di Teo. Sono certa che questo spazio, nato dall’impegno e dalla passione di tante persone, sarà fruito al meglio da chiunque passi, con i propri bambini, dal centro di Torino.

Se volete conoscere altri luoghi, in giro per la città, dove poter allattare o cambiare il pannolino vi segnalo allatTo.it creato da Valentina, una mamma toscana che vive a Torino dal 2007. Valentina ha voluto raccogliere in un unico sito una selezione di luoghi, suddivisi per quartiere, da lei sperimentati dove poter allattare o cambiare il pannolino (locali, bar, negozi, farmacie, parchi, etc.). È felice di ricevere altre segnalazioni, così ho deciso di scriverle, certa che aggiungerà con piacere al suo elenco il nuovo bellissimo punto Piemonte family friendly inaugurato a Palazzo Lascaris.

Diffondiamo la voce! 😉

Buon sabato, Elisa

Annunci

Lo Spazio ZeroSei di Torino. “Ogni futuro nasce bambino”

Bentornati e soprattutto buon anno nuovo! Sono sempre piuttosto sospettosa ma, per una volta, voglio essere fiduciosa, sperando che questo 2017 sia un anno il più possibile sereno per tutti, soprattutto per chi sta attraversando un momento difficile.

Tornando al tema del mio post, questa volta vorrei parlarvi di uno spazio che con Teo frequentiamo da qualche tempo con una certa assiduità, in pieno centro storico a Torino: ZeroSei – La Scatola delle Buone idee, in Via Milano 20 (con entrata su Piazza della Repubblica).

046-csp_0-6_-c-andreaguermani-it

ZeroSei, nato nel 2014 su iniziativa della Compagnia di San Paolo allo scopo di arricchire le offerte della nostra città con un luogo dove i bambini di questa fascia d’età potessero trovare un ulteriore spazio per la socializzazione e la sperimentazione, è il fratellino minore di Xkè? – Il Laboratorio della curiosità che da anni organizza, nella sua sede di Via Gaudenzio Ferrari 1, laboratori per la didattica delle scienze per le scuole primarie e secondarie di I grado. Quello che tiene strettamente legati i due progetti è il medesimo approccio esperienziale, la differenza, invece, oltre al diverso target di età, consiste essenzialmente nel fatto che soltanto ZeroSei è aperto anche alle famiglie.

Lo Spazio ZeroSei si articola su due piani: al piano terra continua con grande successo il programma di attività e laboratori dedicati ai più piccoli (da zero a tre anni), mentre il piano superiore è interamente dedicato ai più grandi, dai tre ai sei anni, per i quali si svolgono attività con modalità differenti ma sempre attraverso la formula del gioco e della scoperta.

Il viaggio dentro lo Spazio ZeroSei (qui ovviamente vi parlo soltanto delle attività per i bimbi 0-3 anni, le uniche che abbiamo provato) è un viaggio esperienziale divertente che unisce narrazione, esplorazione e creatività.

Qualunque sia il tema del periodo, il percorso ha sempre inizio con la narrazione di una storia attraverso la tecnica kamishibai, un originale ed efficace strumento di origine giapponese, una sorta di valigetta-teatro, di solito realizzata in legno, nella quale vengono inserite delle tavole stampate, ognuna delle quali ha davanti un disegno e dietro il testo, in modo che i piccoli spettatori possano vedere l’immagine mentre il narratore legge la storia. Questa lettura animata ha lo scopo di catturare l’attenzione, incuriosire e condurre i piccoli verso il tema del laboratorio, parte centrale dell’esperienza.

 

016-csp_06_winter

Il viaggio, seguendo il filo della narrazione, approda, quindi, nella stanza dove ha luogo l’attività creativa o di sperimentazione vera e propria e si conclude poi nella Stanza magica, un luogo speciale, che cambia nel tempo, in cui è dato grande spazio al gioco non strutturato.

csp_06_autunno16-013

La cosa bella dello Spazio ZeroSei è che la programmazione delle attività cambia ogni quindici giorni per rinnovare la proposta alle famiglie, agli educatori e alle scuole (dal martedì al venerdì mattina le attività sono, infatti, aperte ai nidi e alle scuole dell’infanzia). E’ quindi possibile tornarci tante volte (come stiamo facendo noi) e ogni volta è un’avventura diversa!

Dal mese di settembre fino al 4 dicembre scorso il macro tema è stata la Terra con diversi laboratori hands on (ai quali abbiamo partecipato con tanto divertimento) per la manipolazione e l’utilizzo di molteplici materiali e strumenti quali cacao, farine, spezie, verdure, elementi del bosco, sale grosso colorato e profumato, mortai etc.

Al momento e fino al prossimo febbraio il tema sarà, invece, il Calore (guardate che meraviglia i nuovi allestimenti…danno proprio l’idea del tepore) seguiranno poi, nei mesi successivi, Aria ed Acqua. Potete trovare tutta la programmazione ben dettagliata qui (scorrendo la pagina fin quasi al fondo).

All’interno della struttura c’è una stanza con bagni, lavabi e fasciatoio dove poter lavare e cambiare i bambini. Le attività sono spesso sporchevoli, quindi, il mio consiglio è di andare belli comodi, con ciabattine o calzine antiscivolo (anche per noi genitori!) e portare qualcosa per il cambio.

Lo Spazio è sempre aperto, agosto escluso, 7 giorni su 7 dalle 9 alle 19  (sabato e domenica dalle 10.00 alle 19.00); le attività hanno un costo di 3 euro a bambino e una durata di circa un’ora. E’ necessaria la prenotazione al numero 011.5212432.

ZeroSei è ovviamente aperto a chiunque, anche ai piccoli turisti di passaggio nella nostra città; mi è capitato in più di una occasione di vedere, tra i partecipanti, bambini che erano a Torino con i genitori per un fine settimana. Una buona occasione (anche considerata la collocazione centralissima) per una pausa divertente prima di riprendere il giro turistico.

Per concludere che dire se non che se volete ritagliarvi del tempo con il vostro bambino in un contesto allegro e stimolante, lo Spazio ZeroSei è senza dubbio il luogo giusto. A noi sta piacendo molto!

A presto, Elisa 🙂

(Ah, dimenticavo: per i genitori sono anche organizzati degli incontri a cadenza bisettimanale, di solito il venerdì, con una pedagogista e psicoterapeuta; si tratta di uno spazio nello spazio dedicato all’ascolto e al confronto. Per ogni ulteriore informazione è possibile contattare il numero che ho riportato poco sopra 😉 )