Un animale per imparare: Luckyleo, la fortuna di leggere con il cane.

In Paradiso si entra per favoritismo. Se si entrasse per merito, tu resteresti fuori ed il tuo cane entrerebbe al posto tuo.
(Mark Twain)

Sabato scorso, presso Binaria Bimbi (ve ne parlerò prestissimo), abbiamo partecipato all’attività di lettura Luckyleo, la fortuna di leggere con il cane, un metodo di lettura ad alta voce per l’infanzia con l’ausilio e la collaborazione dei cani e o di altri animali da compagnia, ideato da Teresa Albergo, dottoressa in Psicologia, pet therapista, nonché specializzata nell’educazione della prima infanzia.

Il metodo, rivolto a bambine e bambini 0-10 anni, unisce i benefici dell’uso della lettura ad alta voce, già dimostrati scientificamente da oltre 20 anni, con quelli della pet therapy

Luckyleo, la fortuna di leggere con il cane vuole incentivare non solo l’amore per la lettura già da piccolissimi, ma anche la conoscenza e l’amore per i cani, i pets e la natura più in generale. “Fortuna” perché per un bambino leggere con i genitori, o comunque con i punti di riferimento familiari, rappresenta uno strumento di crescita molto importante; se poi alla lettura si unisce la presenza di un cane, ecco che questa esperienza assume una valenza affettiva e motivazionale ancora più forte. Un bambino che può relazionarsi bene con un cane può essere se stesso fino in fondo: un cane non giudica, un cane mostra il suo bene in modo incondizionato, è un ottimo compagno di giochi e, in questo caso, di favole. 😉

La storia di come è nato Luckyleo® è molto bella: nell’ottobre del 2013 Teresa era stata invitata dal responsabile della libreria Torre di Abele di Torino a partecipare, come lettrice, ad un evento per bambini. Seduta a terra, circondata da numerosi bambini, aveva iniziato la lettura di Insalata di favole di Gianni Rodari. Quel giorno con lei in libreria c’era il suo cane Lucky, un bellissimo incrocio tra un labrador e un golden retriver adottato da poco da una famiglia in condizioni di difficoltà a seguito di una separazione. Teresa era rimasta il tempo della sua partecipazione come lettrice ma quel tempo era stato sufficiente per creare una vera magia.

Molti bambini al termine della lettura si erano diretti verso Lucky per accarezzarlo, per chiedere informazioni e raccontare dei loro animali.

Teresa si era ritrovata così avvolta dall’entusiasmo dei fanciulli. Si era trattato della semplice lettura di una storia, eppure un incanto si era creato grazie alla forza evocativa delle parole e alla presenza di un cane.

Tra Lucky (con il dono di essere protettivo, paziente e attento con i cuccioli umani) e i bambini (a partire da Leo, il piccolo nipote di Teresa) si era creata un’alchimia speciale.

Tra l’altro, in quel periodo, Teresa aveva iniziato da pochi mesi un master in pet therapy e da lì in poi si sarebbero susseguite coincidenze e casualità che hanno portato alla nascita di Luckyleo, la fortuna di leggere con il cane, un metodo innovativo nell’ambito degli Interventi Assistiti con Animali. Il bellissimo Lucky è diventato, così, un meraviglioso cane da pet therapy, un Reader Dog molto amato.

tere
Lucky e Teresa

Dopo un lungo periodo di sperimentazione iniziato nel 2013 (in collaborazione con Asl TO3, Libreria Torre di Abele e Binaria Book del Gruppo Abele), dal mese di aprile del 2015 il progetto Luckyleo® si è sviluppato notevolmente, allargando la sua rete di diffusione in differenti realtà e istituzioni: biblioteche, librerie, asili nido, scuole materne, altri spazi e luoghi pubblici dedicati ad accogliere le famiglie per promuovere la lettura ad alta voce sin dalla nascita.

Aiutando anche, in moltissimi casi, bambini che vivono condizioni esistenziali difficili per differenti ragioni (socio-economiche, di salute, etc.)

Grazie ad una raccolta di Crowdfunding, Teresa e le altre persone coinvolte nel progetto sono riuscite a potenziare le loro attività e a partecipare ad iniziative significative sia sul territorio del torinese che in altri comuni, anche fuori regione. La raccolta di fondi ha permesso di offrire le attività in modo gratuito a numerosi bambini e alle loro famiglie. Le risorse raccolte sono state utilizzate principalmente per arricchire i testi e i libri per l’infanzia in dotazione e per acquistare materiale per l’attività (peluches, giochi di attivazione mentale, strumentazione varia; etc.).

Avendolo sperimentato con Teo devo ammettere che Luckyleo® non è una lettura ad alta voce come le altre, è proprio vero che grazie ai pets si crea una magia: l’utilizzo di favole e racconti e la presenza del cane aiutano i bambini a vivere un’esperienza forte ed unica, sia dal punto di vista emozionale che relazionale.

2017-02-20 16.41.49.png

Teo era il più piccolo (solitamente vengono creati gruppi di bambini per età omogenea) ma nonostante la differenza di età ha partecipato, anche lui, a tutti i giochi che Teresa ha proposto per aiutarci, bambini e adulti, a conoscere meglio i nostri amici a quattro zampe, a prendere confidenza, a socializzare, a rispettare gli altri (a partire da quelli pelosi e scodinzolanti)…quale insegnamento migliore possiamo trasmettere ai bambini?!!!

Lucky e Lula (una vivace cucciola di Golden Retriver bianca di 11 mesi, ancora in formazione, che ha partecipato solo in alcuni momenti all’attività) si sono lasciati accarezzare dai bambini, hanno interagito e giocato insieme a loro con dolcezza (anche io non ho potuto rinunciare all’abbraccio di Lucky!).

fb_img_1487602489987
Non potevo sottrarmi ad un abbraccio dolcissimo

Teo era felicissimo e devo ammettere che, anche grazie a esperienze come queste, sta imparando pian piano, sebbene sia ancora molto piccolo, ad approcciarsi ai cani nel modo corretto. E’ veramente buffo e tenero vederlo mentre, mostrando il palmo della mano, cerca di avvicinarsi per fare amicizia. Da grande amante dei cani cerco di incentivare questo suo amore, ovviamente con la giusta attenzione. 😉

20170218_111103
Teo e Lula
2017-02-20 16.43.58.png
Lucky in versione nonnina

Se siete interessati a questa esperienza, non volete perdere le prossime iniziative di Luckyleo® e volete conoscere l’associazione che Teresa ha da poco promosso per sostenere e sviluppare la sua metodologia, vi suggerisco di seguirla su facebook e (naturalmente) di seguire Binaria Bimbi. 😉

Spero di aver contribuito, nel mio piccolo, a farvi conoscere un’altra bellissima realtà per i bambini nata sul nostro territorio. 🙂

Ciao! Elisa

La riconoscenza è una malattia del cane non trasmissibile all’uomo.
(Antoine Bernheim)

Annunci

#InstawalkCampidoglio di @IgersTorino: una meravigliosa scoperta!

E’ davvero incredibile come, alle volte, uno non conosca luoghi bellissimi così vicini a casa propria!

IMG_20170212_083012_469.jpg
Una Comunità che scatta (tanta soddisfazione: la mia foto scelta e condivisa da @IgersTorino)

Lo scorso sabato, con Teo e la mia amica Vittoria, ho preso parte ad una iniziativa davvero interessante e coinvolgente: l’InstawalkCampidoglio, una passeggiata fotografica alla scoperta di Borgo Campidoglio, un quartiere operaio nato nel 1853, collocato tra gli attuali corsi Svizzera, Appio Claudio e Tassoni e le vie Fabrizi e Cibrario. Un quartiere che da alcuni anni è una delle zone più originali e creative di Torino, un museo di arte urbana e, al contempo, uno dei luoghi più smart e sostenibili d’Italia.

L’evento, totalmente gratuito, è stato organizzato da @IgersTorino, la Community Ufficiale degli Instagramers torinesi (vi consiglio di visitare, se ancora non li conoscete, i bellissimi account dei Local Managers @tonick, @zuccaviolina, @luccico e @rodvaveloce), in collaborazione con il Museo di Arte Urbana di Torino (MAU) e con Planet the Smart City.

La passeggiata è partita da Piazza Risorgimento, a due passi da piazza Bernini, la prima piazza smart in Italia, un luogo intelligente arricchito da tanti servizi per i cittadini che coniugano innovazione tecnologica e inclusione sociale.

2017-02-12-08-23-24

Si tratta di un progetto di Planet Idea, sviluppato nell’ambito del bando Torino Living Lab e promosso dalla Città di Torino in collaborazione con la Circoscrizione IV. Rappresenta la dimostrazione, su scala ridotta, del progetto di prima città del futuro che la società italiana sta realizzando in Brasile, a circa 55 chilometri da Fortaleza.

Sono rimasta davvero colpita da questa piazza, la dimostrazione di come uno spazio urbano, per molto tempo quasi abbandonato, possa migliorare ed essere valorizzato grazie ad un progetto che sviluppa e integra innovazioni diverse ma tutte con l’obiettivo di mettere al centro le persone e rendere le città più innovative, vivibili e sostenibili, sia dal punto di vista sociale che ecologico ed economico.

Piantina-piazza-risorgimento_red.jpg

2017-02-14-09-41-34

Tutta la piazza (che è interamente raggiunta dalla rete wi-fi gratuita con cui è possibile scaricare anche la app PlanetAppSquare per accedere a contenuti digitali inediti) è stata ripensata arricchendola di servizi per i cittadini, dall’illuminazione al controllo dei consumi, dai parcheggi alle aree relax.

Solo per farvi alcuni esempi: in Piazza Risorgimento troverete panchine intelligenti in grado di rilevare dati ambientali, di riprodurre musica e dove poter collegare lo smartphone quando è scarico; una palestra outdoor, resistente agli agenti atmosferici, che è in grado di produrre energia attraverso lo sforzo prodotto dai suoi utilizzatori, colonnine per fare segnalazioni o richiedere l’intervento delle forze dell’ordine che funzionano anche come stazione di ricarica per le auto e le biciclette elettriche e poi, ancora, lampioni smart con lampadine a basso consumo che si accendono solo quando tramonta il sole e consentono di aumentare e diminuire l’illuminazione al passaggio delle persone.

Ma non è tutto, potrete trovare anche un parco giochi piccolo ma molto carino, un orto urbano, un’area lounge a disposizione di tutti e un simpatico angolo di bookcrossing, una specie di libera libreria di quartiere, sempre aperta, ospitata in alcune vecchie cabine del telefono (ve le ricordate ancora?!?!).2017-02-12-08-24-33

 

La nostra visita è continuata poi nel cuore di Borgo Vecchio Campidoglio, grazie alla guida del Prof. Edoardo Di Mauro, Presidente e Direttore Artistico del MAU. Il MAU (diventato nel 2011 ufficialmente una nuova struttura museale cittadina) è il primo museo di arte contemporanea all’aperto in un centro urbano in Italia. È un coinvolgente percorso a cielo aperto tra oltre 140 opere realizzate sui muri di case e piazze del Borgo, visitabile gratuitamente.

Ancora oggi, questo quartiere, che è un autentico gioiello, conserva intatta la sua struttura originaria che ne fa un vero e proprio paese nella città (vie strette, case basse con ampi cortili interni dotati di aree verdi, una forte presenza di attività artigianali, commerciali, artistiche, sociali e di intrattenimento).

Il lavoro di rivalutazione del Borgo è iniziato nel 1991 ma è solo qualche anno più tardi, nella primavera del 1995, che si è valutato di allargare la sfera di intervento all’arte, coinvolgendo i cittadini nelle scelte, partendo dalla disponibilità di alcuni proprietari di immobili a concedere le proprie pareti per la realizzazione di opere d’arte, condivise e permanenti.

img_20170213_215711_224

Oltre alle opere murali, il percorso include anche le Panchine d’Autore di Piazza Moncenisio, liberamente ispirate a protagonisti dell’arte del Novecento, e la Galleria Campidoglio, una raccolta di oltre trenta installazioni protette da teche di plexiglas, sorta per volontà del Centro Commerciale Artigianale Naturale Campidoglio e collocata permanentemente sulle pareti tra i negozi di via Nicola Fabrizi e corso Svizzera.

Se volete vedere tutte le bellissime foto scattate durante l’evento, potete andare su Instagram digitando come hashtag principale #instawalkcampidoglio.

2017-02-14 09.54.54.pngPer non perdervi prossimi #instawalk o altri eventi legati al territorio e sul tema della fotografia, mi permetto di suggerirvi di seguire la pagina Instagram di Igerstorino, una community reale e virtuale (che fa capo all’associazione Igersitalia) che ha lo scopo di far scoprire posti nuovi, o comunque poco conosciuti del nostro territorio, di mettere in comunicazione e di valorizzare le capacità dei numerosissimi torinesi appassionati di fotografia e social media.

Marta Pavia, local manager di @igerstorino, sul suo nuovissimo blog descrive molto bene quali sono i cinque ottimi motivi per partecipare a un #instawalk. Posso assicurarvi che è proprio una bella esperienza! 😉

Se siete interessati alla visita guidata del Borgo, vi segnalo che attraverso il sito del MAU è possibile prenotare visite, anche in bici e con artista, gratuite o ad offerta libera.

Inoltre, dallo scorso anno è possibile un percorso per i cittadini con problemi motori. Questa è, senza dubbio, un’ulteriore importantissima opportunità, grazie alla collaborazione con l’associazione di volontariato Volonwrite, che organizza itinerari studiati appositamente per le persone con queste difficoltà.

E’ stato un pomeriggio molto piacevole, sono certa che ritornerò presto a fare un giro a Borgo Vecchio Campidoglio, magari per farlo conoscere a parenti o amici o per provare una delle trattorie o dei localini che lo caratterizzano.

E’ una passeggiata che consiglio di fare anche con i più piccoli, che non potranno che rimanere meravigliati dai murales coloratissimi, dalle case che nascondono sorprese e dalle divertenti panchine (qui trovate la mappa del Borgo da stampare).

Complimenti ancora ai ragazzi di @IgersTorino! 🙂

A presto, Elisa

2017-02-13-16-20-46

 

FILIPPINI-BOGUSLAVSKA1.jpg

MAU-208.jpg

Per costruire, giocando, un mondo di pari opportunità.

Il gioco è una cosa seria.

Anzi, tremendamente seria.
(Jean Paul)

Quando bambine e bambini giocano sono impegnati in un’attività serissima che spesso noi adulti non cogliamo fino in fondo. Giocando, sviluppano competenze cognitive ed emotive e si preparano al loro futuro di donne e uomini.

Teo, come tutti i bimbi della sua età, si diverte con gli oggetti più diversi, gioca con tutto ciò che trova a disposizione. Ama giocattoli, per così dire, “tipicamente maschili” come trenini, macchinine, etc, ma gioca molto volentieri anche con un piccolo bambolotto (regalo della cuginetta Bibi) al quale spesso cambiamo il pannolino o facciamo il bagnetto, un carrello della spesa che adora riempire e svuotare in ogni angolo della casa, una scopa e un aspirapolvere con cui pulisce i pavimenti e, da ultimo, una piccola cucina di legno ricevuta da poco dai nonni e che già ama moltissimo.

Questo post nasce, quindi, da alcune riflessioni sul tema del gioco e sugli sforzi per superare, anche in tale ambito, gli stereotipi di genere (e non solo) che impediscono ai più piccoli di crescere in modo completamente libero. 

Vorrei condividere con voi alcune proposte davvero molto interessanti per giocare e leggere senza stereotipi.

E’ vero che oggi non ci sono più enormi differenze, come in passato, tra l’educazione di un maschio e quella di una femmina ma, anche se l’educazione tende ad essere, per così dire, unisex, le dichiarazioni di principio vengono spesso, in realtà, contraddette da quelle che sono le aspettative più profonde e inconsce.

Non voglio generalizzare, né passare per pressapochista, ma credo che tutti tendiamo a lanciare ai nostri bimbi, senza farci troppa attenzione, messaggi “tradizionali”.
Anche nella scelta di giocattoli, fiabe e cartoni animati si tende a condizionare precocemente i bambini ad assumere un ruolo “maschile” o “femminile” nel senso più tradizionale del termine. L’industria e il marketing dei giocattoli ne offrono esempi lampanti: il mondo dei piccoli è suddiviso in rosa e azzurro, con tipologie di giochi che, molto spesso, prevedono ancora giochi “attivi” e di abilità cognitive per i maschi e giochi “passivi” e di cura per le femmine.

Enfatizzare troppo queste distinzioni contribuisce, però, a rafforzare stereotipi di genere nell’immaginario collettivo e a trasmettere alle nuove generazioni una serie di vincoli o, comunque, di condizionamenti mentali, che frenano la loro possibilità di crescere sviluppando talenti personali e originali.

Il mondo adulto ha, pertanto, una responsabilità enorme in questo processo.

Tutto dipende dall’esempio che trasmettiamo, fermo restando che parlare di uguaglianza e parità non significa assolutamente annullare le differenze tra maschi e femmine, né agire sull’identità di genere. Maschi e femmine sono diversi, ma le loro differenze non sono determinate dagli stereotipi e dalle categorie sociali.

Nel mio piccolo, cerco di fare molta attenzione ai messaggi che trasmetto al mio bambino. Desidero che Teo sperimenti e giochi con qualunque cosa attiri la sua attenzione e fantasia, senza preconcetti e limitazioni.

Sarebbe davvero bello riuscire a trasmettere alle bambine e ai bambini la possibilità di immaginare per sé ruoli più ampi, al di là degli stereotipi di genere che ancora (è innegabile!) imperversano, affinché sperimentino senza preclusioni, per crescere in modo più armonioso e rispettoso.

I bambini, se lasciati liberi di esprimersi ed esplorare, giocherebbero mettendo in campo tutti i colori della loro personalità, sia le componenti maschili che quelle femminili, esprimendo sia gli aspetti di tenerezza che di aggressività. Spazierebbero dal divertirsi con le bambole a improvvisare una guerra, senza preoccuparsi di ruoli o identità di genere.

Leggevo da qualche parte e condivido che la vera rivoluzione nell’attitudine educativa di noi genitori e insegnanti dovrebbe essere quella di cercare di valorizzare nel bambino proprio quelle differenze che rappresentano la sua individualità di persona, indipendentemente dal sesso e dalle aspettative degli adulti.

Come vi dicevo, vorrei ora condividere con voi alcuni suggerimenti, davvero belli e originali, che ho scovato on line per giocare e leggere senza stereotipi.

Iniziamo dai giochi di Pariqual (Equal Opportunity Games) di Barbara Imbergamo.

download

Nel 2013, con un crowdfunding molto fortunato, è nato questo progetto per provare a costruire giochi divertenti e educativi, affrontando in maniera leggera e delicata il tema delle differenze di genere, ma non solo.

L’idea è di offrire a bambine e bambini giochi per familiarizzare con leggerezza con temi che i grandi discutono solo in modo difficile, contribuendo a superare le divisioni tra nazionalità, a mettere in discussione gli stereotipi di genere, a dare spazio alle diverse tipologie familiari e preferenze sessuali che popolano il nostro mondo.

Tra i personaggi di Pariqual non ci sono principi e principesse, ma bambine e bambini differenti per aspetto e colori, donne e uomini che svolgono i mestieri più disparati (esploratrici ed esploratori, ruspisti e ruspiste…), famiglie multiculturali e tanto altro.

Vi segnalo, in particolare, Paridù e Paricard.

paridu-home1

Paridù è un gioco di ritagli e calamite, consigliato a partire dai 3 anni, che ribalta gli stereotipi di genere ed etnici e propone, sia alle bambine che ai bambini, due scenari di gioco differenti (un cantiere e una cucina) e offre l’occasione per vedere che non ci sono giochi da femmina e da maschio ma semplicemente giochi. (Prezzo circa 10 euro).

paricard-chiuse-600x370

Paricard è un gioco di carte per divertirsi da soli o in compagnia. Sono carte che raccontano la parità e lo fanno con naturalezza, offrendo a bambine e bambini immagini e parole che siano da spunto per inventare storie, per lo più assurde e divertentissime. La loro particolarità sono i personaggi che aprono sguardi sulle tante sfaccettature del mondo, proponendo figure inclusive e positive. (Prezzo circa 15 euro)

I giochi di Pariqual sono immaginati, disegnati e prodotti in Italia; se siete interessati ad acquistarli, qui potete trovare tutte le modalità.

Molto interessante è anche Il Gioco del Rispetto, nato nel 2013, con il contributo della Regione Friuli Venezia Giulia e dell’Università degli studi di Trieste, come progetto dedicato alle scuole dell’infanzia, ma sviluppatosi ben presto anche per rispondere alle richieste delle famiglie, che volevano avere per sé e per i propri figli e figlie uno strumento per giocare e parlare di pari opportunità.

gioco-del-rispetto-2

gioco-del-rispetto-definitivo

Dal 2016 è, quindi, disponibile la versione Home edition, che contiene tre proposte di gioco per bambine e bambini dai 3 ai 7 anni:

– la storia di Red & Blue, per immaginare rapporti solidali tra generi, in cui ognuno è libero di seguire il proprio talento (12 tavole illustrate, due amici, un maschio e una femmina che affrontano un cammino avventuroso aiutandosi a vicenda, al di là degli stereotipi);
– il memo dei mestieri, per imparare che uomini e donne hanno pari opportunità di fare le stesse cose anche se sono diversi tra loro (un gioco di memoria visiva che abbina 20 coppie di maschi e femmine che svolgono lo stesso mestiere);
– il puzzle double face, per scoprire che “un astronauta” può anche avere l’apostrofo  😉
(35 pezzi compongono da un lato la figura di un astronauta maschio e dall’altro la figura di un’astronauta femmina. E fino all’ultimo non si sa mai quello che verrà fuori).

Il Gioco del rispetto si può acquistare online oppure, a Torino, presso la Libreria Linea 451 di Via Santa Giulia 40/a.

Vorrei ancora parlarvi di altri due strumenti ludici per l’educazione di genere che mi sono stati segnalati: Ciao Maramao e Conosci Andrea?.

 

Questi due giochi sono stati progettati a Lucca nel 2008 dalla Dr.ssa Giuseppina Diamanti (psicologa, psicoterapeuta ed insegnate) nell’ambito del progetto Gioca la Differenza. Scegli l’opportunità, al fine di promuovere la conoscenza e la valorizzazione delle differenze tra pari, nell’infanzia e nella prima adolescenza. Entrambi mirano a contrastare la formazione di pregiudizi e stereotipi basati sulle differenze tra maschi e femmine. Obiettivi educativi dei due giochi sono sviluppare, attraverso il divertimento, una maggiore consapevolezza dei meccanismi di comunicazione, nonché atteggiamenti costruttivi e collaborativi.

Ciao Maramao è un divertente gioco di carte destinato a gruppi di bambini e bambine dai 5 agli 8 anni. È composto da 96 tessere che ritraggono bambine e bambini intente/i in attività differenti (curare un cucciolo, leggere, giocare all’aria aperta, sistemare fiori, etc..). Il gioco è concepito come una sorta di domino delle differenze.

Conosci Andrea? è, invece, un gioco cooperativo coinvolgente pensato per bambini della scuola primaria, dagli 8 anni in su. Nucleo centrale del gioco è la plancia sui cui è disposto un percorso immaginario che si chiama la città dei bambini  su cui si possono trovare alcuni edifici (la scuola, la biblioteca, il ristorante…), alcuni luoghi (il parco, la spiaggia…) e incontrare alcune persone. I luoghi e i personaggi che si incontrano permettono ai partecipanti di avere degli indizi per capire chi sia Andrea. Le carte rappresentano diverse professioni al maschile e al femminile: Andrea, infatti, è un nome che si presta all’uno e all’altro sesso. Oltre alle carte-personaggi il gioco è corredato da una serie di carte imprevisto: sono delle vere e proprie ingiustizie dove l’arbitrarietà vince sul diritto (perdite motivate da discriminazioni, momenti in cui si nega il rispetto a qualcun altro su basi arbitrarie etc…). Queste carte hanno lo scopo di mettere in luce la scorrettezza di un comportamento basato su un pregiudizio o uno stereotipo e, di conseguenza, educare al rispetto delle differenze.

foto-18-12-16-12-44-01-e1482083851599

Se, come famiglie o insegnanti, siete interessati a questi due giochi, vi consiglio di scrivere direttamente a Giuseppina, questa è la sua pagina facebook:https://www.facebook.com/giuseppina.diamanti?fref=tsSarà disponibile e felice di rispondere ad eventuali domande e di farvi conoscere ancora meglio le sue due creature. 😉

Per concludere, voglio parlarvi di Scosse, un’associazione di promozione sociale nata nel 2011 a Roma grazie ad una start-up dell’università di Tor Vergata, che si propone di contribuire alla costruzione di uno spazio pubblico aperto, partecipato e solidale, contro ogni esclusione sociale. Tra le altre cose, Scosse si propone di diffondere, già dalla primissima infanzia, l’educazione al rispetto delle differenze e alla decostruzione degli stereotipi.

Curiosando nello spazio Leggere Senza Stereotipi, desidero segnalarvi solo qualche titolo tra quelli che hanno catturato maggiormente la mia attenzione. Il loro archivio bibliografico è molto ricco, frutto del lavoro quotidiano di formatori, insegnanti e altre figure professionali che lavorano a contatto con la fascia di età 0-6 anni.

Sono idee per creare una piccola biblioteca casalinga che contribuisca ad insegnare ai più piccoli a leggere il mondo in modo più libero.

lss_sz_scritta
dal sito di Scosse

C’è qualcosa di più noioso di una principessa rosa?

download

Carlotta era una principessa rosa, col suo vestito rosa e il suo armadio rosa, pieno di vestiti rosa… Ma Carlotta era arcistufa del rosa! Voleva vestire di rosso, verde, giallo e violetto e non aveva alcuna voglia di baciare rospi su rospi per trovare il principe azzurro. La sua perseveranza riuscirà a rendere le principesse libere di correre, giocare e vivere avventure come gli altri personaggi e vestirsi come gli pare? Età di lettura: dai 3 anni.

Piselli e Farfalline. Son più belli i maschi o le bambine?

piselli-e-farfalline-son-piu-belli-i-maschi-o-le-bambine-libro-69411-1

Della differenza – ormai l’avrai capita- non possiamo fare senza! Perché serve alla vitaUn libro che spiega in maniera semplice e divertente, senza mai scadere nel didascalismo o nella volgarità, che è bello essere maschi come essere femmine, che le femmine e i maschi possono fare le stesse cose, che hanno abiti ed abitudini diverse ma l’unica grande differenza tra loro sta nel corpo. Un libro per tutti quei genitori di bambini che sono alla scoperta del loro corpo. Adatto dai 4/5 anni.

Andiamo papà!

9788867990580_0_0_500_80
Un libro molto divertente per leggere senza stereotipi. E’ la storia di un ragazzino, Jo Junior, che vive con il papà. Una mattina il papà lo invita a pesca. Come ogni bambino felice, si veste, si pettina, si lava in un baleno e inizia a sollecitare il padre con inistenza (Andiamo papà!) ma il papà non è ancora pronto. Prima devono fare la colazione, lavare i piatti, passare l’aspirapolvere, pulire la casa, preparare il pranzo…e mentre il papà si dà un gran da fare, Jo stufo decide di sparire. Inizia così una piccola odissea circolare che da una nocciolina lo porta nello stomaco di una gallina, di un lupo e di un pesce gatto, fino ad essere salvato dal suo papà.
Un libro che parla di una famiglia monogenitoriale e insegna ai nostri bambini che fare le pulizie di casa non è un’attività esclusivamente femminile, perché anche gli uomini possono aiutare senza doversi vergognare di nulla. Età di lettura: dai 3/4 anni.

piccolo blu e piccolo giallo

9788883620034_ebb58fc2.jpg
Un classico per l’infanzia, pubblicato nel 1959 e letto da generazioni di bambini.  E’ la storia di una grande amicizia tra due macchie di colori; dal loro abbraccio nascerà qualcosa di nuovo e sorprendente. Un libro che è una meraviglia: racconta, disegna e insegna l’uguaglianza e l’amicizia, con gioia e tenerezza. Dai 2/3 anni.

 Io e Te 

416fv3nykgl-_sx472_bo1204203200_

Vorrei tanto essere come te! E io vorrei tanto essere come te! Coniglietto vorrebbe assomigliare a Porcellino e viceversa. Ma mentre si sforzano di assomigliarsi, i due amici scoprono di piacersi proprio così come sono! La storia ha un grande messaggio da trasmettere: la nostra bellezza sta nell’essere diversi e unici. Un libro sull’amicizia e la valorizzazione delle differenze. Età di lettura: dai 2/3 anni

Seguimi! (una storia d’amore che non ha niente di strano)

9788879406307_3d-800x800

SEGUIMI in questo lungo viaggio e capirai quanto è straordinaria l’ovvia irrazionalità dell’amore puro. Un grande elefante con nei violetti e una piccolissima formica con il vitino da vespa si vogliono bene: che cosa c’è di strano? La straordinaria normalità dell’amore, oltre le differenze, narrata ai bambini con una storia semplice, surreale e meravigliosa. Una fiaba d’amore insolita, ma con tutti gli elementi che l’accomunano alle altre storie d’amore. Dai 4/5 anni ma anche per i grandi dal cuore tenero! 😉

Da quel giorno,

in una conchiglia

che sta sul fondo di una bottiglia,

che sta sul bordo di un cammino,

che sta nascosto dentro un cestino,

che dentro un formicaio resta,

perso nel mezzo della foresta…

una formica nera e un elefante grigio

vivono un amore (con vitino di vespa e nei violetti)

CHE NON HA NIENTE DI STRANO!

A presto, Elisa 🙂

Due chiacchiere con la Doula, una mamma che aiuta le mamme.

Bentornati!

Questa volta vorrei parlarvi della figura della Doula, una professione da noi ancora poco conosciuta, di cui ho avuto modo di sperimentare l’importanza, grazie al dono di una cara amica, in un momento particolare del mio cammino da neomamma.

Per farlo, ho chiesto aiuto ad Olga (la mia doula) che si è gentilmente resa disponibile a rispondere ad alcune domande, per provare a capire meglio come questa professionista possa aiutare la mamma, dalla gravidanza fino ai primi mesi di vita del bambino.

Come vi dicevo, la mia doula è arrivata, inaspettatamente, proprio al momento giusto, grazie al dono della mia amica Valentina che, per la nascita di Teo, ha pensato per noi ad un regalo davvero speciale e originale. Ho potuto così conoscere Olga che, proprio quando ne avevo più bisogno, mi ha dato consigli preziosi e scevri da condizionamenti.

I nostri incontri sono stati quasi tutti incentrati (per mia scelta) sull’allattamento e sull’arte del portare.

Il suo sostegno mi ha consentito di superare le difficoltà iniziali dovute ad una certa sfiducia nelle mie capacità e all’inesperienza perché – diciamola tutta – se la gravidanza è sogno e attesa (soprattutto quando si ha l’enorme fortuna di viverla senza problemi di salute), il dopo è dura, seppur meravigliosa e fortunata, realtà! 😉

Come ho avuto già modo di raccontare in questo post, ho iniziato l’allattamento misto pressoché da subito perché il mio latte non sembrava sufficiente per consentire a Teo di prendere peso bene. Avrei potuto passare direttamente all’allattamento artificiale esclusivo, ma in quel momento ho deciso di provare ad andare avanti, anche solo in parte, con l’allattamento al seno. Probabilmente era la scelta meno agevole che potessi fare ma, guardando indietro non sono pentita perché quello che ho vissuto ha contribuito a fortificarmi, consentendomi di vivere un’esperienza impegnativa ma gratificante.

Faccio queste riflessioni perché credo che chi sceglie di allattare (massimo rispetto per chi, per qualsiasi ragione, si trova a compiere una scelta diversa: una mamma va sostenuta sempre perché le sue scelte sono straripanti di emozioni e senso di responsabilità) deve essere aiutato soprattutto nell’immediato post parto.

Proprio questo è il momento più delicato!

Oggi, invece, l’unico approccio al tema, peraltro puramente teorico, si ha durante i corsi che precedono la nascita e soltanto se si ha la fortuna di trovare operatrici motivate si possono ricevere consigli davvero utili in ospedale. Una Dichiarazione congiunta OMS/UNICEF sottolineava, già nel 1989, l’importanza del ruolo dei servizi per la maternità nell’allattamento al seno, indicando i dieci passi per il successo di tale pratica, tra cui l’aiuto alle madri perché comincino ad allattare al seno entro mezz’ora dal parto, spiegando loro come allattare e mantenere la produzione di latte anche in caso di separazione dal neonato. Peccato che spesso le neomadri vengano dimesse dall’ospedale senza che l’allattamento sia ben avviato!

Allattare al seno, poi, non è per tutte un fatto naturale e spontaneo come si è portati a credere (per me non lo è stato!) e spesso si hanno mamme che, a loro volta, non hanno allattato per cui manca, a differenza che in passato, una cerchia familiare dispensatrice di consigli, quel cerchio magico di donne che si stringeva intorno alla puerpera e si occupava di tutto, trasmettendo sapere e infondendo fiducia.

L’elemento umano di sostegno, ascolto empatico delle emozioni e aiuto pratico è, dunque, sempre più raro. Se la fatica e le ansie dell’accudimento di un neonato un tempo venivano condivise all’interno delle grandi famiglie di una volta (da sorelle, madri, nonne, zie), oggi, spesso, si è molto più sole.

Come mi è mancata mia nonna in quei giorni complicati! Altri tempi senza dubbio, ma sono certa che se l’avessi ancora avuta vicina e in salute mi avrebbe potuto dare consigli preziosi sull’allattamento perché certe esperienze, anche a distanza di molto tempo, non penso proprio si possano dimenticare. 😉

La nostra cultura spesso prevede che, in quanto donna, una sia automaticamente mamma, per cui automaticamente pronta e preparata per affrontare gravidanza, travaglio, parto e puerperio. Non c’è nulla di più sbagliato in tali affermazioni! Mamma (ma anche papà) si diventa e c’è bisogno di un tempo in cui ci si possa preparare e farsi affiancare, qualora se ne ravvisi l’esigenza.

Ora lascio che sia Olga, una doula esperta, a parlare. 😉

Innanzitutto grazie per aver accettato il mio invito. Ci aiuti a capire chi è la doula e cosa può fare per la mamma?

Ciao Elisa, molto volentieri! La doula è una figura assistenziale non medica che si occupa del sostegno emotivo e pratico alla donna lungo tutto il percorso dalla gravidanza fin dopo la nascita.

La parola doula deriva dal greco e significa “colei che è al servizio“; in questo videoclip puoi scoprire quello che può fare per le mamme.

Il sostegno emotivo che può offrire si fonda sulla sua capacità di ascoltare e comprendere le esigenze, i timori e le richieste della madre. Lo scopo non è quello di sostituirsi a lei, ma quello di aiutarla a riconoscere le sue abilità materne. La mamma può essere spaventata dalla nuova situazione o avere un’esperienza pregressa che l’ha segnata negativamente, ma se accolta e ascoltata può migliorare la sicurezza nelle proprie capacità.

La doula, inoltre, non esprime giudizi, il suo compito è quello di mettere la madre a conoscenza di tutto ciò che può esserle utile per fare delle scelte consapevoli, per poi supportarla nelle sue decisioni.

Durante gli incontri in gravidanza si possono aiutare le future mamme in diversi modi: insegnando loro tecniche di rilassamento per gestire l’ansia e il dolore, aiutandole a cercare l’ospedale giusto per le proprie esigenze e a compilare il piano del parto. La doula, inoltre, può accompagnare la mamma alle visite e aiutarla ad organizzare la casa in vista dell’arrivo del bebè.

Durante il travaglio, la doula può accompagnare la donna o entrambi i genitori al momento del parto, dando il cambio al papà quando è stanco e ha bisogno di una pausa, affinchè la mamma non rimanga mai sola e si senta sempre sostenuta.
Per esempio, quando io accompagno una donna in sala parto le offro un sostegno emotivo e anche fisico, massaggiandola, rinfrescandola, sostenendola mentre ha le contrazioni o durante le spinte. Immediatamente dopo il parto, in caso di bisogno, posso aiutarla nell’avvio dell’allattamento.

Dopo la nascita del bambino, la presenza della doula è, in genere, ancora più apprezzata perchè si tratta di una fase delicatissima e importante per lo sviluppo della futura relazione tra la mamma, papà e bambino. La neo mamma deve far fronte a notevoli cambiamenti fisici e ormonali proprio nel momento in cui la presenza del piccolo trasforma radicalmente la sua quotidianità. I cambiamenti ormonali inducono una preoccupazione materna primaria ovvero ritrovarsi costantemente impegnata a cercare di capire i diversi bisogni del proprio bambino. Ci vuole tempo per imparare a conoscerlo e a comprendere i motivi dei suoi pianti. Nelle prime settimane, la mamma vive, quindi, una forte tensione, spesso accentuata dal fatto che i ritmi della vita quotidiana subiscono un forte scompiglio e la stanchezza può arrivare a livelli davvero difficili da immaginare.
La mamma, allora, può sentire con forza il bisogno di parlare, con una donna esperta, delle sue paure e preoccupazioni. Da un punto di vista più pratico, poi, la doula può aiutare la mamma anche standole vicino durante le fasi dell’allattamento, dando consigli e insegnandole diverse tecniche per superare le varie difficoltà.
Inoltre, la doula può accompagnare la neo mamma a fare una passeggiata con il bambino, a preparare il pranzo da consumare insieme oppure può occuparsi del bambino mentre la mamma si fa una doccia o prova a riposare. Il supporto di una persona esperta aiuta la mamma a non sentirsi sola e incompresa, mettendola nella condizione di vivere serenamente le grandi gioie della maternità.

La doula, insomma, fa da madre alla madre e non di rado anche al padre, per il quale il primo periodo con il piccolo può, a volte, essere altrettanto delicato.

Infine, la doula è in rete con tutte le altre figure che sul territorio possono aiutare la mamma quali ostetriche, consulenti in allattamento, consulenti del portare, pediatri, etc.

 

Spiegaci ora, per favore, quali sono le differenze tra un’ostetrica e una doula?

Doula e ostetrica sono due figure ben distinte ma non in contrapposizione tra di loro, anzi complementari. Entrambe le figure possono affiancare la donna durante la gravidanza, il parto e nel puerperio, ognuna con le proprie differenti competenze.
L’ostetrica è una professionista sanitaria, quindi potrà fornire dettagli e informazioni medico-scientifiche e consulenze professionali sui temi del femminile. La doula, invece, non potrà dare queste informazioni o assistere da sola la donna in ambito sanitario, potrà però fornire un supporto emotivo e pratico che può rivelarsi prezioso anche per l’ostetrica. Una doula ben formata, infatti, è in grado di valutare una poppata e di dare informazioni di base alla mamma, riferendo poi eventualmente all’ostetrica, al consultorio o al pediatra i casi che richiedano una ulteriore competenza professionale.

Olga tu sei una psicologa libera professionista, ti occupi da molti anni di sostegno psicologico agli adulti, cosa ti ha spinta ad affrontare anche il percorso di formazione per diventare una doula?

Ho scelto di diventare doula perché, come molte altre donne, ho avuto una pessima esperienza durante i miei due parti. Il puerperio, in particolare della mia prima figlia, è stato molto faticoso, mi sono sentita sola e incapace. Ogni giorno, al risveglio, mi sembrava di dover scalare una montagna. Ero così stanca e assorbita dalla cura di mia figlia che non avevo la forza di chiedere aiuto, di confrontarmi con altre mamme. Se accadeva mi sentivo sempre dire: “Devi fare come ti dico io, altrimenti sbagli“! In queste condizioni la fiducia in me stessa non migliorava affatto! Ho avuto accanto un marito dolce e premuroso e lentamente le cose sono migliorate ma avrei potuto godermi la mia bambina molto di più (e fin dall’inizio) se non fossi stata sempre insicura e in ansia, se avessi avuto vicino qualcuno che avesse avuto esperienza di ciò che provavo, con cui confrontarmi e che mi confortasse.
Quando mi hanno parlato della figura della doula, ho deciso che avrei potuto essere d’aiuto ad altre donne che stavano vivendo ciò che avevo vissuto io. Così ho completato la mia formazione psicologica con la scuola per le doule.

In base alla tua esperienza, che cosa apprezzano maggiormente di questo servizio le future mamme o neomamme ?

In base alla mia esperienza, le mamme sono rassicurate dal fatto di poter parlare con qualcuno di tutto ciò che di nuovo sta accadendo nella loro vita. Sono più serene quando sanno che la doula andrà a casa loro per un paio d’ore così potranno riposare, lasciarsi andare alle emozioni (e magari anche al pianto), fare domande sull’allattamento o su ciò che riguarda la cura del neonato (il bagnetto, il cordone ombelicale, le creme, l’uso della fascia). Hanno piacere di fare il primo pezzo del loro percorso di mamme in compagnia di qualcuno di esperto che stia loro vicino e le conforti quando hanno dei dubbi. Questo calma le loro ansie e sentirsi ascoltate e comprese riduce di molto l’incidenza della depressione post parto.
Un altro aspetto molto importante che mi coinvolge, non solo come doula ma anche come psicologa, è l’elaborazione della vicenda del parto. Quando incontro una mamma che ha già partorito passiamo del tempo a parlare di come è andata. Spesso incontro donne che hanno vissuto un’esperienza di parto dolorosa o completamente diversa da quella immaginata. Questo le fa soffrire e parlarne le aiuta sia a placare il dolore, sia a non colpevolizzarsi per come sono andate le cose.

Quali sono le associazioni di riferimento a livello nazionale per avere maggiori informazioni per chiunque fosse interessato a contattare una doula oppure a iniziare un percorso formativo?

A Torino la scuola di Mondo Doula organizza annualmente dei cosi di formazione.
Altre associazioni sul territorio nazionale sono Mammadoula e Associazione Doule Italia.

Chi volesse regalare o regalarsi l’aiuto di una doula, cosa deve fare?

A Torino lavorano doule di Mondo Doula e Mammadoula, si possono visitare i siti delle associazioni per reperire informazioni e trovare la doula più adatta. A quel punto, la si può contattare per valutare e decidere se fare un percorso insieme.
Solitamente il primo incontro conoscitivo è gratuito, in seguito mamma e doula potranno decidere il tipo di servizio e stipulare un contratto.
È possibile fare dei pacchetti orari che possono anche essere regalati alle amiche in attesa.

Tutto molto chiaro, è la mamma che definisce il ruolo della doula a partire dalle sue personali esigenze. Parlando, però, di donne a basso reddito o comunque svantaggiate, esiste un modo per farsi aiutare da una doula qualora ci si trovi in una di queste condizioni?

Alcuni Comuni come Rivalta, Collegno e Grugliasco offrono servizi di sostegno alle famiglie, tra cui il servizio doula. Ho già collaborato con il Comune di Rivalta che ha fornito alle neo mamme alcune ore gratuite con la doula. I progetti del Comune di Collegno e Grugliasco sono, invece, ancora in via di definizione.
Il percorso per diventare doula prevede anche un periodo di tirocino, per cui le mamme che hanno difficoltà economiche potrebbero rivolgersi a queste doule che si avvalgono, comunque, della supervisione di figure esperte.

Quali altre iniziative per le mamme e le famiglie porti avanti a Torino?

Organizzo incontri in gravidanza che rappresentano un percorso aggiuntivo a quello medico e che consentono alle mamme e alle coppie di ricercare una dimensione di gravidanza e nascita più vicina alle loro emozioni. I temi di maggiore interesse per le future mamme che vengono affrontati durante questi incontri sono:
– i cambiamenti fisici ed emotivi in gravidanza;
– l’esperienza di parto desiderata e l’individuazione della struttura che può venire incontro a tali aspettative;
– le strategie per gestire l’ansia e il dolore durante il travaglio e il parto;
– cosa può fare il papà in questa fase;
– cosa è fondamentale sapere affinché l’allattamento al seno funzioni;
– come preparare e gestire il rientro a casa;
– quali sono i bisogni di un neonato.

Inoltre, fornisco consulenze psico-educative e di sostegno alla coppia e alla genitorialità.
I temi su cui i genitori desiderano maggiormente confrontarsi sono ad esempio:
– la gestione del sonno dei figli;
– come affrontare i litigi fra fratelli;
– come insegnare le regole senza fatica;
– come aiutare i bambini ad esprimersi e ad affrontare e risolvere le loro paure;
– come affrontare il momento del pasto;
– come gestire i capricci, individuandone le cause profonde.

Grazie mille Olga per tutte queste informazioni. Mi sa proprio che, soprattutto su questi ultimi aspetti, avrei bisogno del tuo aiuto nuovamente. 😉

Se volete saperne di più potete visitare il suo sito: olgapasin.it

A presto, Elisa  🙂

 

La mamma, una contraddizione vivente!

La mamma è un essere mitologico, metà cuore e metà testa. È una contraddizione vivente, metà seghe mentali e metà senso di colpa.

Essere genitori è una sfida quotidiana talmente impegnativa e piena di incognite che, per quanti consigli si ricevano e quanti manuali si leggano, spesso non si sa proprio da che parte girarsi. Talvolta, poi, le convinzioni che credevamo di avere vengono spazzate via per la sopravvivenza quotidiana.

A me è successo proprio così. Durante la gravidanza (e a dir la verità ancora prima) avevo certezze granitiche su come mi sarei comportata e su cosa, di certo, non avrei mai fatto una volta diventata mamma…certezze granitiche che, come dicevo, si sono sgretolate a contatto con la realtà.

Primo capitolo: la nanna

La nanna è un argomento tabù, uno di quei temi che maggiormente spaventano i neo genitori.

Solo pochi fortunati (quali opere di bene avranno mai fatto nella vita precedente per meritarsi questa immane fortuna?) hanno bambini che dormono, da subito, tutta la notte. Tutti gli altri fanno come possono per sopravvivere: alcuni già in partenza scelgono di dormire stretti stretti al proprio nanetto, altri hanno fatto del tanto discusso metodo Estivill la Via Maestra, altri ancora sono andati come noi (scusate il francesismo) un po’ a cazzo.

Di partenza non ero per nulla favorevole al co-sleeping, anzi pensavo addirittura che solo dopo pochi mesi avrei sistemato la culla di Teo in salotto, allestendo lì la cameretta in mancanza di altro spazio in casa. A dirla tutta, quella non convinta sul dormire insieme al bebè ero io, il papà, invece, ha sempre incentivato la cosa con un saggio “tanto non sarà per sempre, bisogna godersi questi momenti senza troppi problemi”, contando forse sul fatto che lui (lo stronzetto), a differenza mia, gode di un sonno profondissimo, che neppure due dolci piedini in faccia sanno spezzare! 😉

Ecco, quanto vi ho raccontato sopra è ciò che pensavo e credevo prima del lieto evento, ma allora non sapevo che, pur di dormire un minuto in più, avrei abbandonato ogni teoria preconfezionata, acconsentendo ad allestire una comune nel lettone, perché, diciamola tutta, dormire insieme al piccolo, in particolare nei primi tempi, evita numerosi sbattimenti, soprattutto se si allatta durante la notte e se il pupo si caratterizza per risvegli continui.

E allora non importa se poi non riesci più a tornare indietro facilmente, se a volte sei costretta a dormire sul bordo del letto, se al risveglio ti ritrovi con le braccia anchilosate e il collo piegato o, peggio ancora, se al mattino avrai tatuate sul corpo le impronte di due piccoli, dolci talloni.

Non importa nulla, basta solo dormire!

Poi, però, complice qualche momento di particolare stanchezza e magari qualche discussione con terzi (spesso quelli che sono stati genitori trenta-quarantanni fa, che non hanno figli, che hanno avuto bebè narcolettici o che hanno voluto e saputo resistere al co-spleeping e da tempo si godono sonni ristoratori) inizi a pensare di di aver sbagliato tutto.

Insomma un gran bel casino di sentimenti contrastanti: adori sentire i suoi capelli sul viso e il suo respiro sereno, ma alcune notti lo vorresti lanciare come un giavellotto nella culla perchè odi dover diventare una circense per trovare un angolino nel letto e vorresti soltanto ritornare a spaparanzarti comoda comoda.

Teo spesso si addormenta ancora nel lettone e lì rimane tutta la notte, talvolta si addormenta nel lettone e poi viene spostato nel lettino (so che non sarebbe il massimo perché i bambini dovrebbero, in teoria, addormentarsi nello stesso posto in cui si sveglieranno…sì, sì come no!!), da dove puntualmente, dopo quattro-cinque ore, migra verso il lettone. I tentativi di farlo addormentare direttamente nella culla sono estenuanti e quasi sempre fallimentari. Lui è un bambino ad alto contatto e noi non ci siamo mai tirati indietro.

Per quanto sarà ancora così? Chissà! Per ora metto in pratica tentativi di rendere sempre più allettante il lettino e il momento della nanna e mi faccio forza di tanti autorevoli studi che dimostrerebbero che il co-sleeping non è il Male Assoluto (anzi!), che in questo modo non contribuirò necessariamente a fare di lui un bamboccione e che dormire insieme può addirittura favorire la sua autonomia.

Tutto questo con buona pace delle mie convinzioni precedenti!

Secondo capitolo. L’allattamento

Ho iniziato l’allattamento misto pressoché da subito, a distanza di una sola settimana dal parto, perché il mio latte non sembrava sufficiente per consentire a Teo di prendere peso bene.

Avrei potuto passare direttamente all’allattamento artificiale esclusivo, ma in quel momento ho deciso di provare ad andare avanti, anche solo in parte, con l’allattamento al seno. Probabilmente era la scelta meno agevole che potessi fare ma, guardando indietro non sono pentita.

Prima che mio figlio nascesse sapevo  ben poco di allattamento, giusto qualche nozione puramente teorica appresa al corso pre-parto. Volendo provare ad allattare, speravo che tutto potesse essere il più naturale possibile.

L’unica cosa sulla quale avrei potuto scommettere un braccio era che non avrei MAI allattato in pubblico. Ad essere molto sincera, anche il pensiero di allattare davanti a parenti o amici mi metteva in imbarazzo. 

Non che considerassi la cosa un atto di cui provare vergogna o da tenere nascosta. Tutto il contrario!!

Penso che allattare al seno sia l’atto più dolce e naturale che ci sia e che farlo anche in luoghi pubblici e davanti ad estranei, con il giusto garbo, sia un diritto sacrosanto, non certo una forma di esibizionismo. 

Soltanto la nostra società, che tende a considerare il seno esclusivamente come un oggetto sessuale, riesce ad accettare a fatica che questo venga utilizzato apertamente nella sua funzione biologica (sono rimasta basita quando ho letto che negli Stati Uniti è stato necessario promuovere leggi che permettessero alle donne di farlo nei luoghi pubblici e che in molti altri paesi le madri hanno ricevuto richieste espicite di smettere di allattare nei ristoranti, nei bar, nei musei).

Nel mio caso – molto più semplicemente – non avendo mai avuto un rapporto sereno con il mio corpo e, nello specifico, con il mio seno abbondante, escludevo solo, in partenza, di trovarmi a mio agio in tale situazione. 

Ed invece, una volta diventata mamma, mi sono ritrovata ad allattare senza farmi grossi problemi, senza vergognarmi, concentrandomi soltanto su Teo, sulle sue esigenze e non su tutto il contorno.

Terzo capitolo. Tornare come prima, ovvero il mascara questo sconosciuto

Prima della gravidanza pensavo che subito dopo il parto sarei tornata a prendermi cura di me stessa come prima, con una certa costanza, e che avrei cercato in ogni modo di ritagliarmi del tempo per fare attività fisica e tornare in forma decente.

Dopo il parto, invece, è successo che, passati i primi tempi in cui non sapevo nemmeno da che parte girarmi e ho accuratamente evitato di guardarmi allo specchio, ho iniziato a convivere con una certa trasandatezza.

Per mesi (e ancora oggi talvolta) mi sono vestita in due secondi, arraffando quello che trovavo a tiro, uscendo di casa in tuta o con maglie XXL e jeans informi. Ovviamente con i capelli sempre legati e completamente struccata.

Del resto, pensavo, se pure ad Hollywood…

katie-holmes-and-suri-cruiseDrew Barrymore spotted wearing a T-Shirt with her name on it as she dresses way down to vote with a mystery man in the Californian presidential primaryuma-thurman-mamma-stancagarner

Un episodio divertente e significativo è stato quando, dopo tanti mesi, ho ripreso a truccarmi un pochino. Teo stupito di quella roba (mascara) sui miei occhi, mai vista prima, ha iniziato a tirarmi le ciglia fino quasi a staccarle.

Ora, è ovvio che continua a mancarmi il tempo e inevitabilmente cambiano le priorità, ma c’è un limite a tutto e soprattutto un momento per invertire il trend.

Insomma, sto lavorando per stare meglio e migliorare la mia autostima perchè – bisogna dire la verità – la maternità (soprattutto i primi anni e tranne rare eccezioni che ho sempre guardato con grande ammirazione e un pizzico di invidia) te la annienta completamente! 😉

E comunque per Teo, pure la mattina con le occhiaia da panda e i capelli arruffati, sono sempre, semplicemente, mamma bella! 😉

Ciao, ciao! 🙂

Meningite Batterica: tutte le informazioni su vaccini, dosi e costi in Piemonte

Nell’ultimo periodo si sta parlando moltissimo di meningite, lasciando spazio, talvolta, a toni allarmistici che contribuiscono solo ad incrementare la paura. Provate a chiamare il centro di riferimento della vostra zona in questi giorni: se non è psicosi poco ci manca. Gli operatori dei servizi vaccinali delle ASL piemontesi stanno faticando per gestire tutte le chiamate e le richieste di vaccini a pagamento arrivate in queste settimane.

Per motivi di lavoro, ho avuto l’opportunità di entrare in contatto con una delle dottoresse che fanno parte dell’equipe del SEREMI di Alessandria (il Servizio di riferimento regionale per l’epidemiologia delle malattie infettive), sono così riuscita ad avere un’idea più chiara della situazione e spero con questo post di veicolare informazioni che possano essere utili a tutti.

Il primo elemento da mettere in evidenza è che in Piemonte i casi di meningite meningococcica che si verificano sono rari e, peraltro, in diminuzione.

Quindi da noi non è in atto alcuna emergenza; la situazione è diversa ad esempio in Toscana (soprattutto nell’area di Firenze) dove, invece, i casi sono numerosi e attribuibili a ragioni ancora non del tutto chiare, al punto che il nostro servizio sanitario regionale consente la vaccinazione gratuita ai piemontesi che per ragioni di studio o di lavoro devono trasferirsi per un periodo in quella regione (basta una autocertificazione presentata al Centro Vaccinazioni di riferimento).

E’ senza dubbio fondamentale vaccinare i nostri bambini (eventualmente anche vaccinarci noi adulti soprattutto se rientriamo nelle categorie a rischio) ma con assoluta tranquillità perché, secondo gli esperti, non ci sarebbero motivazioni di carattere scientifico o epidemiologico per allarmarsi.

Prima di parlare di vaccini a disposizione, di dosi e costi in Piemonte, occorre ancora qualche premessa, importante per capire meglio di cosa stiamo parlando.

Cos’è la meningite: è un’infiammazione delle membrane (le meningi) che avvolgono il cervello e il midollo spinale.

Come si trasmette la meningite: è generalmente di origine infettiva e può essere virale, batterica o causata da funghi.

La forma virale, detta anche meningite asettica, è quella più comune, di solito non ha conseguenze gravi e si risolve nell’arco di 7-10 giorni.

La forma batterica (quella che riguarda le vaccinazioni) è più rara ma estremamente più seria e, come noto, può avere conseguenze fatali. Parlando ora soltanto di quest’ultima, i batteri più frequentemente in causa sono tre:

  • Meningococco: si tratta di un ospite frequente delle prime vie respiratorie, basta considerare che dal 2 al 30% della popolazione sana ospita meningococchi nel naso e nella gola senza presentare alcun sintomo e questa presenza non è correlata a un aumento del rischio di meningite. Esistono 13 diversi sierogruppi di meningococco, ma solo 5 (denominati A, B, C, W 135 e Y) causano meningite e altre malattie gravi. Dei 5 sopra elencati, i più frequenti in Italia e in Europa sono soltanto i sierogruppi B e C. Nel 10-20% dei casi la malattia è rapida e acuta, con un decorso fulminante che può portare al decesso in poche ore, anche in presenza di una terapia adeguata. La contagiosità è bassa, tuttavia il meningococco può dare origine a focolai epidemici.
  • Pneumococco: dopo il meningococco, è uno degli agenti più comuni della meningite, può causare anche polmonite. Come il meningococco, si trasmette per via aerea e può trovarsi nelle prime vie respiratorie, senza causare alcuna malattia. Esistono molti tipi di pneumococco. Le meningiti da pneumococco si presentano in forma sporadica.
  • Haemophilus influenzae tipo b: era fino alla fine degli anni novanta la causa più comune di meningite nei bambini fino a 5 anni, poi con l’introduzione della vaccinazione i casi di meningite causati da questo batterio si sono ridotti moltissimo.

Chiarito questo, secondo i dati dell’Assessorato regionale alla Sanità, in Piemonte, a partire dal 2008, l’andamento dei casi di malattia invasiva da meningococco ha mostrato una riduzione significativa, pari in media a 1 caso in meno ogni anno su tutta la popolazione. Il dato registrato nel 2016 non altera il trend decrescente registrato dal 2008.

Il valore massimo di incidenza si è riscontrato nel 2009 (6 casi per 1.000.000 abitanti), anno che ha preceduto l’introduzione della vaccinazione antimeningococco C nella nostra regione.

La letalità per malattia invasiva da meningococco è in media inferiore a 2 decessi per anno. Il sierogruppo B è quello prevalente, riguarda circa il 60% dei casi, seguito dal sierogruppo C; una sua maggior frequenza (70%) caratterizza la fascia di età pediatrica (0 – 14 anni), dato sovrapponibile a quello europeo.

Arriviamo ora a parlare di vaccini, dosi e costi in Piemonte. Cercherò di essere il più possibile chiara e schematica.

Vaccinazioni già in offerta attiva e gratuita (attiva nel senso che la chiamata avviene attraverso una comunicazione scritta da parte dell’ASL alla famiglia):

1) Vaccinazione contro la meningite da Haemophilus influenzae b sotto l’anno di età (3°-5°-11° mese).
2) Vaccinazione contro la meningite da pneumococco  sotto l’anno di età (3°-5°-11° mese).
3) Vaccinazione contro il meningococco di tipo C
  • a 13/15 mesi  in concomitanza con il vaccino MPR (Morbillo, Parotite, Rosolia);
  • agli adolescenti di 15-16 anni non precedentemente immunizzati > con riguardo a questi ultimi c’è da sottolineare una importante novità: a partire da questo anno il vaccino contro il meningococco di tipo C per gli adolescenti sarà sostituito da un vaccino tetravalente contro le meningiti di tipo ACWY, ossia un vaccino che oltre che dal tipo C protegge anche dai tipi A, W e Y, poco frequenti nel nostro Paese (la scelta è motivata dal fatto che sempre più frequentemente i ragazzi fanno viaggi ed esperienze all’estero). Trattandosi sempre di una vaccinazione in offerta gratuita attiva, le famiglie dei nati nel 2001-2002 non dovranno fare nulla, saranno le varie ASL a contattarle.

NOVITA’ > A questi 3 vaccini si aggiunge sempre in offerta attiva e gratuita per i nati dal 1° gennaio 2017 (le famiglie dei nuovi nati saranno contattate con lettera dell’ASL):

4) Vaccinazione contro il meningococco di tipo B  4 dosi somministrate a partire dai 2 mesi di vita

Se non si rientra nell’offerta vaccinale gratuita di cui sopra ma si vuole comunque effettuare la vaccinazione contro il meningocco di tipo B (per gli altri vaccini è già possibile da tempo), da qualche mese è possibile farlo non più acquistando il vaccino in farmacia e facendolo somministrare dal pediatra/medico di base o di fiducia, ma rivolgendosi al Centro Vaccinazioni dell’ASL di riferimento, con costi decisamente più contenuti rispetto al passato poiché il vaccino è acquistato a prezzo di costo direttamente dall’azienda sanitaria e la prestazione viene pagata una sola volta.

Ecco, quindi, i costi per la vaccinazione contro il meningococco di tipo B in base all’età, tenendo conto che il prezzo per la prestazione sanitaria è di 16 euro (da pagare una sola volta) e il prezzo del vaccino è di 74 euro a dose:

Dai 2 mesi fino ai 5 mesi 4 dosi (da effettuarsi a distanza di tempo secondo le indicazioni che verranno comunicate dal Centro Vaccinazioni) 74×4+16= 312 euro
Dai 6 mesi fino ai 23 mesi  3 dosi 74×3+16= 238 euro
Dai 24 mesi in poi (quindi anche per noi adulti)  2 dosi 74×2+16=164 euro

La prestazione sanitaria di 16 euro viene pagata (con bollettino che è possibile ritirare nei Centri Vaccinazioni) in concomitanza con la prima dose, i bollettini successivi avranno soltanto il costo della singola dose.

Per prenotare, disdire o modificare un appuntamento vaccinale (area di Torino) è possibile contattare i seguenti numeri:

  • 840.705007 da telefono fisso (si paga solo lo scatto alla risposta)
  • 011.5160666 da telefono cellulare (a carico dell’utente)

Per le altre aree occorre far riferimento alla propria ASL di zona.

Se volete approfondire ulteriormente, qui trovate le FAQ in tema Meningite pubblicate dal Ministero della Salute (es.  A chi e in quali casi sono raccomandate le vaccinazioni? Per gli adulti che nell’infanzia non sono stati vaccinati contro il meningococco è consigliata la vaccinazione?
Quanto dura l’effetto della copertura vaccinale? Se la vaccinazione è stata fatta a un anno di età va fatto un richiamo? etc).

Confrontandoci serenamente e senza preconcetti, noi abbiamo scelto di far vaccinare Teo, appena possibile, anche contro il meningococco di tipo B, pur essendo a pagamento, poiché, dopo esserci consultati con il pediatra di cui abbiamo fiducia, la riteniamo una scelta giusta e perché, di base, siamo fermamente convinti che vaccinando non solo proteggiamo noi e il nostro bambino da malattie gravi ma contribuiamo, nel nostro piccolo, anche alla protezione della popolazione dalle epidemie, con riduzione dei rischi per chi, per scelta o necessità, non è vaccinato.

Al di là delle libere scelte personali, con questo post spero solo di aver fornito informazioni utili per approfondire e valutare le opportunità attualmente a disposizione nella nostra regione.

A presto, Elisa 😉

 

 

 

Lo Spazio ZeroSei di Torino. “Ogni futuro nasce bambino”

Bentornati e soprattutto buon anno nuovo! Sono sempre piuttosto sospettosa ma, per una volta, voglio essere fiduciosa, sperando che questo 2017 sia un anno il più possibile sereno per tutti, soprattutto per chi sta attraversando un momento difficile.

Tornando al tema del mio post, questa volta vorrei parlarvi di uno spazio che con Teo frequentiamo da qualche tempo con una certa assiduità, in pieno centro storico a Torino: ZeroSei – La Scatola delle Buone idee, in Via Milano 20 (con entrata su Piazza della Repubblica).

046-csp_0-6_-c-andreaguermani-it

ZeroSei, nato nel 2014 su iniziativa della Compagnia di San Paolo allo scopo di arricchire le offerte della nostra città con un luogo dove i bambini di questa fascia d’età potessero trovare un ulteriore spazio per la socializzazione e la sperimentazione, è il fratellino minore di Xkè? – Il Laboratorio della curiosità che da anni organizza, nella sua sede di Via Gaudenzio Ferrari 1, laboratori per la didattica delle scienze per le scuole primarie e secondarie di I grado. Quello che tiene strettamente legati i due progetti è il medesimo approccio esperienziale, la differenza, invece, oltre al diverso target di età, consiste essenzialmente nel fatto che soltanto ZeroSei è aperto anche alle famiglie.

Lo Spazio ZeroSei si articola su due piani: al piano terra continua con grande successo il programma di attività e laboratori dedicati ai più piccoli (da zero a tre anni), mentre il piano superiore è interamente dedicato ai più grandi, dai tre ai sei anni, per i quali si svolgono attività con modalità differenti ma sempre attraverso la formula del gioco e della scoperta.

Il viaggio dentro lo Spazio ZeroSei (qui ovviamente vi parlo soltanto delle attività per i bimbi 0-3 anni, le uniche che abbiamo provato) è un viaggio esperienziale divertente che unisce narrazione, esplorazione e creatività.

Qualunque sia il tema del periodo, il percorso ha sempre inizio con la narrazione di una storia attraverso la tecnica kamishibai, un originale ed efficace strumento di origine giapponese, una sorta di valigetta-teatro, di solito realizzata in legno, nella quale vengono inserite delle tavole stampate, ognuna delle quali ha davanti un disegno e dietro il testo, in modo che i piccoli spettatori possano vedere l’immagine mentre il narratore legge la storia. Questa lettura animata ha lo scopo di catturare l’attenzione, incuriosire e condurre i piccoli verso il tema del laboratorio, parte centrale dell’esperienza.

 

016-csp_06_winter

Il viaggio, seguendo il filo della narrazione, approda, quindi, nella stanza dove ha luogo l’attività creativa o di sperimentazione vera e propria e si conclude poi nella Stanza magica, un luogo speciale, che cambia nel tempo, in cui è dato grande spazio al gioco non strutturato.

csp_06_autunno16-013

La cosa bella dello Spazio ZeroSei è che la programmazione delle attività cambia ogni quindici giorni per rinnovare la proposta alle famiglie, agli educatori e alle scuole (dal martedì al venerdì mattina le attività sono, infatti, aperte ai nidi e alle scuole dell’infanzia). E’ quindi possibile tornarci tante volte (come stiamo facendo noi) e ogni volta è un’avventura diversa!

Dal mese di settembre fino al 4 dicembre scorso il macro tema è stata la Terra con diversi laboratori hands on (ai quali abbiamo partecipato con tanto divertimento) per la manipolazione e l’utilizzo di molteplici materiali e strumenti quali cacao, farine, spezie, verdure, elementi del bosco, sale grosso colorato e profumato, mortai etc.

Al momento e fino al prossimo febbraio il tema sarà, invece, il Calore (guardate che meraviglia i nuovi allestimenti…danno proprio l’idea del tepore) seguiranno poi, nei mesi successivi, Aria ed Acqua. Potete trovare tutta la programmazione ben dettagliata qui (scorrendo la pagina fin quasi al fondo).

All’interno della struttura c’è una stanza con bagni, lavabi e fasciatoio dove poter lavare e cambiare i bambini. Le attività sono spesso sporchevoli, quindi, il mio consiglio è di andare belli comodi, con ciabattine o calzine antiscivolo (anche per noi genitori!) e portare qualcosa per il cambio.

Lo Spazio è sempre aperto, agosto escluso, 7 giorni su 7 dalle 9 alle 19  (sabato e domenica dalle 10.00 alle 19.00); le attività hanno un costo di 3 euro a bambino e una durata di circa un’ora. E’ necessaria la prenotazione al numero 011.5212432.

ZeroSei è ovviamente aperto a chiunque, anche ai piccoli turisti di passaggio nella nostra città; mi è capitato in più di una occasione di vedere, tra i partecipanti, bambini che erano a Torino con i genitori per un fine settimana. Una buona occasione (anche considerata la collocazione centralissima) per una pausa divertente prima di riprendere il giro turistico.

Per concludere che dire se non che se volete ritagliarvi del tempo con il vostro bambino in un contesto allegro e stimolante, lo Spazio ZeroSei è senza dubbio il luogo giusto. A noi sta piacendo molto!

A presto, Elisa 🙂

(Ah, dimenticavo: per i genitori sono anche organizzati degli incontri a cadenza bisettimanale, di solito il venerdì, con una pedagogista e psicoterapeuta; si tratta di uno spazio nello spazio dedicato all’ascolto e al confronto. Per ogni ulteriore informazione è possibile contattare il numero che ho riportato poco sopra 😉 )