Il MUSE di Trento (e altri musei per bambini).

Siete stati a Trento? No, siamo stati 5 ore al MUSE!

Il Museo della Scienza di Trento, meglio conosciuto come MUSE, è uno di quei musei dove sai quando entri ma non quando uscirai, tante sono le cose da vedere e le esperienze da vivere.

DSC_0844-01.jpeg

Noi ci siamo fermati di ritorno a Torino dopo una fuga di due giorni in Val Pusteria (ne parlo qui) e quella che doveva essere una breve pausa si è trasformata in una visita di quasi 5 ore. Senza nessuna fatica ma solo tanto divertimento.

Prima di parlarvi della nostra esperienza al MUSE di Trento vi lascio il link ad un mio precedente post, dove parlo con entusiasmo di altri musei per bambini in Italia visitati con Teo. Se vi va l’articolo è questo.

Anche questo spazio alle OGR di Torino è imperdibile se avete bimbi.

Perché visitare il MUSE di Trento?

  • E’ il museo perfetto per tutti: adulti e bambini, anche quelli più piccoli. C’è proprio uno spazio dedicato ai bimbi piccoli e piccolissimi da 0 a 5 anni, si chiama Maxi OoH, è il luogo dove i bambini di questa fascia di età possono interagire con gli oggetti, le forme e i colori, provare, toccare e imparare giocando e sperimentando.
  • E’ ospitato in uno spazio molto suggestivo, un’opera di architettura che ricorda le cime acuminate delle Dolomiti, firmata da Renzo Piano e realizzata in metallo e cristallo su uno specchio d’acqua, in un’ex area industriale perfettamente riqualificata.
  • Ti conquista e lascia a bocca aperta appena varcata la soglia: il museo ha un impatto visivo notevole, è attraversato verticalmente da una specie di grande spazio libero, nel quale sembrano volare nell’aria tutti gli animali che popolano la montagna.
  • Per godere della vista pazzesca (a 360°) dalla terrazza al quinto piano. Tempo permettendo è un balcone meraviglioso sulla valle dell’Adige e sulle montagne che sovrastano Trento.

DSC_1009-01.jpeg

Cosa ci è piaciuto di più del MUSE

  • lo spazio Maxi OoH (tutte le informazioni qui) e lo Science Center al piano terra, un ampio spazio che ti permette di vivere la scienza come un gioco. E’ una galleria Hands-on, collocata subito dopo l’ingresso, con una ventina di postazioni interattive dedicate alle scienze di base. Teo è piccolo, ovviamente, per apprezzarlo nel suo aspetto divulgativo ma si è comunque divertito moltissimo. E anche noi.
  • la grande serra tropicale e la sezione dedicata ai giganti della preistoria al piano interrato.
  • il labirinto della biodiversità alpina al terzo piano. Immaginate di scendere lungo un sentiero di montagna in cui si susseguono 26 ambienti diversi, arricchiti da 2 acquari. La bellezza dell’allestimento mira a far vivere (o rivivere) le sensazioni ed emozioni di un viaggio nella natura, come incontrare animali selvatici, ascoltare i loro richiami, essere testimoni di un atto di predazione o spiare i rituali di corteggiamento. Ogni ambiente è svelato mediante modalità comunicative che vanno dai più tradizionali animali tassidermizzati alle più moderne tecnologiche virtuali interattive.
  • il ghiacciaio al quarto piano che è possibile toccare…non leccare. Teo voleva fare proprio quello e l’ho fermato in tempo!
20170628_122552_HDR.jpg
La serra tropicale
DSC_0809-01.jpeg
A bocca aperta
DSC_0918-01
Il ghiacciaio

Cose utili da sapere sul MUSE

  • Sono previste tariffe agevolate differenziate in base al numero di adulti.
  • Tutti i piani del museo dispongono di toilette con fasciatoi e zone comfort per le famiglie. I punti sono facilmente raggiungibili anche con passeggini o carrozzine. Nello spazio Maxi OoH si trovano due comode poltrone per l’allattamento.
  • E’ attivo un nuovo servizio per tutte le persone che hanno la necessità di lasciare in custodia il proprio cane durante la visita al MUSE in collaborazione con la Lega Nazionale di difesa del cane.
  • Si può entrare e uscire dal MUSE nel corso della giornata. Viene apposto un timbro dal personale che controlla gli accessi.
  • E’ presente una caffetteria. Altri punti di ristoro si trovano nelle immediate vicinanze del Museo e i locali del centro città sono raggiungibili in 10 minuti a piedi dal museo, grazie ad un sottopasso pedonale. All’interno dell’area museale non si può mangiare, tuttavia, è possibile consumare il proprio pranzo al sacco in un parco adiacente.
  • Durante i weekend, il MUSE propone attività e spettacoli scientifici per bambini di tutte le età della durata di circa 30 minuti, inclusi nel biglietto d’ingresso e per i quali non è necessaria la prenotazione.

DSC_0781-01

DSC_0972-01.jpeg
Sulla magnifica terrazza del MUSE di Trento

Vi abbiamo convinti a organizzare una gita a Trento?! 😉

Annunci

Tempo dei bambini Vs tempo dei grandi: 5 libri da leggere insieme per rallentare e sentirsi un po’ meno in colpa.

Leggevo di uno studio pubblicato sullo Spanish Journal of Psychology sui sensi di colpa. Le donne risultano essere decisamente più sensibili al sentirsi in colpa rispetto ai maschi della stessa età.

Sai che scoperta. Mi sa che nasciamo così, pacchetto incluso.

Il senso di colpa delle madri, poi, se possibile, si moltiplica.

Ultimamente il mio senso di colpa ricorrente è quello di non riuscire a rispettare i tempi di Teo, i suoi tempi di bambino.

Non è piacevole, mi sento un pochino sollevata solo quando penso che:

  • non sempre si riesce a fare quello che si vorrebbe e non tutto dipende da noi;
  • nulla è irrecuperabile;
  • mio figlio, anche se arrabbiato o deluso, non smetterà di amarmi.

Questa sorta di sana auto-assoluzione non significa, tuttavia, non provare a rallentare, nella convinzione che ciò possa far bene ad entrambi.

Da qualche tempo, anche il mondo della narrativa per bambini sta affrontando il tema della frenesia della quotidianità e dello stress che ne consegue, una situazione che, nostro malgrado, coinvolge anche i più piccoli, inevitabilmente alle prese con i ritmi degli adulti, spesso poco rispettosi dei tempi più lenti (e sani) dei bambini.

Ho pensato di dedicare questo post ad alcuni albi illustrati, davvero preziosi, da leggere insieme ai nostri bimbi, per cercare di riappropriarci, almeno un pochino, del piacere della lentezza e aiutarci a non sentirci genitori di m…. quando, talvolta, riversiamo stanchezza e nervosismo anche sui nostri figli.

Sono 5 libri che sanno trasmettere importanti messaggi sia ai piccoli, cui sono direttamente rivolti, sia ai grandi, che li accompagnano nella lettura.

1. Aspetta di Antoinette Portis

Aspetta_cover.jpg

Questo albo inizia con una situazione decisamente comune: “Presto! Presto!” dice la mamma al figlio mentre lo trascina per strada, guardando ansiosa l’orologio.

Ma la città è grande e ricca di attrazioni: un cagnolino da accarezzare, una betoniera da ammirare, un operaio da salutare, un vecchietto, che getta il pane agli anatroccoli, da imitare.

aspettabanner

aspetta3

La mamma permette di fermarsi, ma solo per un attimo, perché occorre andare e bisogna far presto! La mamma va veloce, il bimbo frena.

Tipico, no?

Laddove c’è un adulto che deve andare di corsa, preso dalle incombenze quotidiane, c’è sempre un piccolo che vuole rallentare e osservare il mondo.

Alla fine del tragitto, quando si rivela anche la destinazione (la stazione della metropolitana), non c’è più tempo nemmeno per i brevi momenti di indugio.

Ma un ultimo “Aspetta!” del bimbo blocca la mamma e, con lei, il lettore. Una frazione di secondo in cui il tempo si ferma e anche la donna si volta, finalmente, là dove il ditino del figlio indica un magnifico doppio arcobaleno, che saprà unirli in un abbraccio.

cd2474d7ae

Età: dai 3 anni.

Un piccolo libro, semplice ma efficace, che, mettendo a confronto il tempo concitato degli adulti con quello lento dei bambini, riesce a parlare al cuore di entrambi.

2. Urlo di mamma di Jutta Bauer

È un albo che colpisce al cuore. Diciamo proprio che ci va giù duro.

Potrebbe sembrare una storiella come tante, invece questo libro ospita parole e immagini di una potenza comunicativa sconvolgente.

Si apre con una mamma pinguina che sbotta. Sì, perché le mamme sono sempre sottoposte a stress notevoli – evidentemente anche quelle del mondo animale! – per cui è inevitabile che talvolta perdano la pazienza e il controllo.

Solo che l’urlo della mamma, questa volta, è talmente forte – e il suo volto così infuriato – da mandare in mille pezzi il piccolo pinguino. Pezzi del corpicino che si staccano e volano via, si perdono in ogni angolo del mondo: le ali nella giungla, il beccuccio su una montagna, il culetto in città e così via.

 

Il piccolo prova a ricomporsi ma non ci riesce. Ha bisogno della sua mamma che, con pazienza e tenacia, ritrova tutti i pezzi e li ricuce alla perfezione, con la cura e la precisione che solo le madri hanno. Quando il piccolo pinguino è di nuovo “intero“, la mamma lo abbraccia forte, chiedendogli scusa.

Le mamme urlano, ma sanno anche riportare la pace, sanno confortare, rassicurare e, soprattutto, chiedere scusa.

Quanto è consolatorio questo finale! Quante volte abbiamo perso la pazienza, quante volte abbiamo urlato e, magari, visto i nostri bimbi reagire con spavento. Spesso accade in modo involontario. Quando, però, poi prendiamo coscienza delle conseguenze del nostro urlo, ecco che parte il senso di colpa.

Questo libro è davvero prezioso perché insegna che la rabbia non è qualcosa da nascondere, che il dolore può essere curato e che si può sempre rimediare ad uno sbaglio.

Urlo di mamma è un libro per i bambini: per spiegare loro che anche le mamme si arrabbiano, talvolta tantissimo e la rabbia può far male, ma alla fine tutto si può ricucire grazie all’amore. Nemmeno il litigio più forte o la sgridata più severa, se c’è affetto, possono compromettere il legame tra genitori e figli. L’importante è saper ricucire insieme tutti i pezzi.

Ed è soprattutto un libro per le mamme: per confortarle quando si sentono sbagliate, aiutandole ad essere più indulgenti verso se stesse.

Qui (a fondo pagina) si trova lo spunto per un laboratorio da sperimentare con i propri figli, dopo aver letto insieme l’albo. Mi sembra una bellissima idea!

Eta: dai 3 anni.

Una lettura che prende per mano mamme e bimbi alla scoperta dei propri sentimenti ma anche dei propri limiti.

3. Non si toglie di Shinsuke Yoshitake

9788893813471_0_0_0_75.jpg

Un libro recente che ha avuto una menzione speciale al Bologna Ragazzi Award 2017. Racconta benissimo, in maniera davvero comica, quel momento della crescita in cui si è ancora in bilico tra il bisogno di una mano e la ricerca dell’autonomia (e la necessità di vedere rispettati i propri tempi).

Già la copertina è simpatica e accattivante. Protagonisti sono, infatti, un piccolo corpo di bimbo incastrato in una maglietta e un grande corpo di donna intento a liberarlo.

Quante volte mi succede con Teo! Forse per questo lui adora questo libro. 😉

Il buco della maglia è troppo piccolo per far passare la testa e il bimbo non riesce a sfilarsela da solo. Incalzato dalla madre, che lo invita a sbrigarsi perché è l’ora di fare il bagno, il piccolo rimane intrappolato per un tempo che a lui pare infinito.

nonsi2

Prende il via, così, una divertente odissea per il simpatico protagonista, che inizia a fantasticare: se rimarrò incastrato per sempre? Crescerò anche così?

Non-si-toglie_1

E mentre cerca di liberarsi, immagina per sé un futuro impacciato e al buio. Come potrò bere? Come convincero’ il gatto a non farmi il solletico sulla pancia? In definitiva, come potrò cavarmela da solo nelle piccole e grandi sfide di ogni giorno?

nonsi3

Non-si-toglie_2

Ma il bambino si consola presto pensando che ci saranno, di certo, altri bimbi incastrati come lui, basterà solo cercarli e giocare con loro, potrà comunque farsi degli amici ed essere felice.

nonsi4

Tuttavia, mentre la sua immaginazione lo porta altrove e sembra passata un’eternità, la vasca da bagno è, in realtà, ancora là che lo attende e la pazienza della mamma è esaurita.

I suoi sogni di autonomia falliscono miseramente. Arriva la mamma e, in un attimo, si ritrova nudo e sotto la doccia.

E così, mentre noi adulti sorridiamo, ritrovando in questa storia dolce e buffa tutta la quotidianità con i nostri piccoli, ai bambini rimarrà la sorpresa e il divertimento di fronte alle peripezie e ai pensieri surreali del piccolo buffo protagonista.

Eta: dai 3 anni.

Com’è dura crescere e avere a che fare con gli adulti che vanno di corsa e vogliono sempre decidere tutto!

4. Vorrei un tempo lento lento di Luigina Del Gobbo e Sophie Fatus

9104mjRmlZL.jpg

La lentezza non mi appartiene molto. Un po’ per carattere, un po’ per i ritmi che la vita quotidiana impone.

Quando la libraia mi ha consigliato questo albo l’ho trovato subito molto poetico. Con delle illustrazioni e dei colori belli e gioiosi.

Non si tratta di una storia, bensì di una lunga filastrocca illustrata che parla del tempo, anzi dei vari tipi di tempo: non esiste solo il tempo frenetico ma anche il tempo per andare a piedi a scuola seguendo una farfalla che nel vento viaggia sola. E un tempo zitto per sentire il mio respiro e tuffarmi a capofitto nel silenzio, quello vero!

Leggere insieme, con tranquillità, le parole di questo libro è una coccola da regalarsi.

Eta: dai 3 anni.

Un libro che invita bambini e genitori a riappropriarsi dei ritmi lenti della natura, riscoprendo il piacere di fare le cose senza fretta. Per godere appieno di ogni istante.

5. Le pazze giornate della mamma di Elise Raucy e Estelle Meens

download

E’ mattina presto. Margherita è ancora nel letto quando si vede arrivare addosso la gonna, le calze e il consueto buongiorno: sbrigati! Per il fratellino Ernesto l’imperativo è sempre lo stesso. Le giornate della loro mamma sono una corsa senza fine, scandita dal ticchettio di un orologio.

Ma la mamma riesce sempre a fermare il tempo, anzi, è talmente brava che non può che nascondere dei poteri magici. Quando la mamma ferma il tempo le lancette scorrono lente per godersi balli scatenati, canti a squarciagola, gare di solletico. Momenti teneri che non dovrebbero finire mai.

Le mamme sono sempre prese da mille incombenze e per i bambini, a volte, non è semplice riuscire a comprendere perché il tempo per giocare insieme sia meno di quello che vorrebbero.

La prima parte del libro è molto veloce, con illustrazioni movimentate e ricchissime di particolari. Ad un cero punto, però, una frase fa rallentare il ritmo:

“Ehi, ma come sei diventato alto. Eri così piccolo, mi sembrava ieri.”

Da questo momento in poi il racconto diventa pacato, le immagini frenetiche e caotiche lasciano il posto a illustrazioni dolci e poetiche.

Da questo momento in poi c’è una mamma che rallenta e si calma.

pazza3 (1)

Un libro da leggere insieme per spiegare ai bambini che, anche se gli impegni quotidiani sono tanti, il momento per le coccole si trova sempre. Un promemoria per i genitori, per ricordarsi di rallentare e trovare il modo per ritagliarsi del tempo di qualità con i propri figli.

Eta: dai 3-4 anni.

Spero vi siano piaciuti!

Un abbraccio, Elisa

Musei per bambini: la nostra esperienza a Rivoli, Genova e Milano.

Il binomio musei e bambini non è più qualcosa di inconciliabile, è finita l’epoca in cui i musei erano asettici contenitori di opere d’arte, dedicati esclusivamente ad un pubblico adulto.

Da diversi anni, anche nel nostro Paese, sono molteplici le istituzioni che organizzano visite e laboratori per i bambini e numerosi sono anche gli spazi culturali e scientifici appositamente creati per far vivere belle esperienze ai piccoli visitatori.

Nell’ultimo mese abbiamo visitato alcune interessanti realtà, strutture pensate proprio per i bambini oppure che hanno deciso di attivare, con grande successo, accanto ai percorsi tradizionali, speciali attività per le famiglie.

Se avete voglia di seguirci, magari per prendere qualche spunto per prossime gite, in questo articolo vi faremo scoprire il Castello di Rivoli-Museo d’Arte Contemporanea, la Città dei bambini e dei ragazzi di Genova e il MUBA di Milano.

Castello di Rivoli – Museo d’Arte Contemporanea in provincia di Torino

Una piccola premessa: la scorsa estate ho partecipato al contest fotografico #myfamilytour organizzato da PinAndGo, un nuovo portale per far viaggiare le famiglie in Italia, in collaborazione con Instagramers Italia.

Per ogni regione d’Italia, tra quelle presenti nelle foto partecipanti, è stata selezionata a settembre la foto più rappresentativa. Le 18 foto scelte sono state poi pubblicate e le famiglie sono state ospitate presso una struttura convenzionata “Pin Friends” nella propria regione.

Non vi nascondo lo stupore quando ho saputo che anche una mia foto era stata scelta. Eccola!

elygiarola_liguria

Noi, che viviamo in Piemonte, abbiamo avuto l’opportunità di vivere un’esperienza speciale al Castello di Rivoli-Museo d’Arte Contemporanea, in provincia di Torino.

Il Museo organizza una volta al mese i Weekend’Arte (ogni terzo fine settimana, da settembre a giugno, più ulteriori appuntamenti speciali), occasioni molto apprezzate dalle famiglie per incontrare l’arte contemporanea in modo divertente. L’appuntamento prevede la visita guidata e un laboratorio in relazione alla collezione permanente o alle mostre in corso. Le attività sono tutte a cura dal Dipartimento Educazione del Museo, che vanta diverse esperienze internazionali, come la partnership con il Louvre nel 2013.

Per i bambini a partire dai 3 anni gli appuntamenti sono il sabato alle ore 15.30 e la domenica alle 15 (visita + laboratorio: € 4 per ogni bambino e adulto; gratuito per i possessori di Abbonamento Musei). Il Dipartimento Educazione ha istituito recentemente anche alcuni appuntamenti pensati per le famiglie con bimbi da 0 a 3 anni il sabato mattina alle ore 10, sempre una volta al mese. L’ingresso in questo caso è gratuito.

L’ideale sarebbe stato prendere parte al laboratorio del sabato mattina ma, per permettere anche al nostro papà di partecipare, abbiamo scelto, nonostante i dubbi iniziali, l’attività della domenica pomeriggio, pensata per bambini più grandi, dalla materna in poi.

Le due guide-educatrici sono state dolci e bravissime nel coinvolgere Teo, che ha, infatti, partecipato con entusiasmo e un’attenzione che non imaginavo, considerata la sua età e il tema non semplice per bimbi così piccoli: “La forma delle stelle“, un viaggio particolare ed emozionante alla scoperta delle opere di Gilberto Zorio, uno dei massimi esponenti dell’Arte povera.

La voce delle stelle

La vista pazzesca dall’alto del Castello

Abbiamo visitato la mostra in modo interattivo e coinvolgente e costruito una stella decisamente originale!

Ecco la nostra stella!

Perché visitare questo Museo con i bambini:

  • oltre ai bellissimi laboratori, meritano anche la salita al Castello (magnifica residenza patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’Unesco) e il panorama mozzafiato che si gode dall’alto;
  • si può scegliere se accompagnare i bambini nell’attività oppure proseguire la visita da soli, un’opportunità da cogliere per godere, in tutta calma, di opere come Novecento di Maurizio Cattelan o la Venere degli stracci di Michelangelo Pistoletto;
  • si può organizzare un compleanno fuori dal comune (qui le informazioni per un Compleanno da Re al Castello di Rivoli);
  • il Museo è baby-friendly: si può entrare con passeggini e carrozzine, fotografare, sfogliare libri per adulti e bambini al bookshop. Inoltre, sono presenti una caffetteria, con ampio spazio all’aperto, per una pausa relax, un angolo allattamento e servizi attrezzati per il cambio dei bebè.

Info e Prenotazioni

Dipartimento Educazione Castello di Rivoli 011-9565213, educa@castellodirivoli.org

la Venere degli stracci di Michelangelo Pistoletto
Novecento di Maurizio Cattelan

La Città dei bambini e dei ragazzi di Genova

La Città dei bambini e dei ragazzi di Genova è un’area di oltre 2.000 metri quadrati di gioco educativo dai 2 ai 13 anni, dove è possibile giocare ma anche scoprire scienza e tecnologia, sempre divertendosi.

Per noi è stata una vera folgorazione!

Teo non sarebbe mai voluto andar via. Sia lui che la cuginetta Bibi e l’amichetto Greg, il più piccino del gruppo, si sono divertiti tantissimo.

Per i piccolissimi c’è il Bosco in città con una casetta, lo specchio per riconoscere la propria immagine, la grotta per nascondersi e il fiume da attraversare.

La Casa in costruzione e lo spazio Le mani in acqua sono, invece, pensati per i bambini fino ai 6 anni.

La prima è la rappresentazione di un vero e proprio cantiere a misura di bambini. Il divertimento è assicurato giocando a completare una casa, utilizzando mattoni di gommapiuma, gru, carriole e nastro trasportatore.

La seconda area ospita una grande vasca con acqua corrente che permette di divertirsi iniziando a scoprire i comportamenti dei corpi liquidi attraverso l’uso di barchette, pompe, dighe e mulini. L’altra postazione è, invece, caratterizzata da getti d’acqua, su cui è possibile mettere palline colorate per vedere come la forza del getto le tenga in sospensione.

La struttura fornisce grembiuli impermeabili e ciabattine di plastica ma vi consiglio di portare qualche cambio d’abito.

Teo, che di certo non si risparmia nel gioco, alla fine era bagnato ma felicissimo!

20180104_140357-01.jpeg

Potevamo, poi, non fare un’incursione nell’area dedicata ai piu grandi (6-13 anni)? Certo che no! Questo spazio è molto ampio e ospita postazioni che consentono di approfondire molte curiosità sui viventi, sulla tecnologia e su fenomeni fisici che fanno parte del quotidiano. Qui trovate le informazioni su questo spazio.

Noi abbiamo apprezzato particolarmente la pista delle biglie acrobatiche, che si può costruire, dando sfogo alla propria inventiva, grazie ad una grande lavagna magnetica, l’area delle bolle di sapone giganti, il formicaio (la particolarità è che l’osservazione può essere condotta sia sopra che sotto terra, attraversando un tunnel alla scoperta della formica regina) e il grande transatlantico, che è una bella occasione per giocare con l’attrezzatura di bordo, le rotte di migrazione, il Codice Morse, i nodi marinari e la bussola.

Perché visitare questo Museo con i bambini:

  • i bambini sono liberi di giocare e sperimentare in autonomia ma sono organizzati anche interessanti laboratori e percorsi tematici guidati;
  • la struttura si trova all’interno del Porto Antico di Genova, forse l’area con la più alta concentrazione di luoghi di interesse ludico-culturale di tutta la città. Qui trovate tutti i possibili percorsi. Oltre alla Città dei bambini e dei ragazzi e all’Acquario con la sua Biosfera (assolutamente tutti da non perdere), altre attrazioni o luoghi interessanti sono il Galata, il più grande museo marittimo del Mediterraneo, ma anche il più innovativo e tecnologico, che consente di andare alla scoperta di sei secoli di vita sul mare (davanti al Galata è ormeggiato il Nazario Sauro S518, l’unico sottomarino italiano visitabile in acqua); il Bigo (l’ascensore panoramico progettato da Renzo Piano che, ruotando a 360 gradi e arrivando a 40 metri di altezza, permette una visione completa di Genova, tra moli, banchine, edifici e caruggi), il Museo Luzzati e il Genoa Museum, luogo di interesse non solo per i tifosi della squadra più antica d’Italia, ma anche per tutti gli appassionati di calcio, grandi e piccoli, perchè custodisce antiche maglie, manifesti e cimeli, come uno dei palloni del primo campionato di calcio italiano;
  • la Città dei bambini e dei ragazzi è assolutamente baby-friendly, si può entrare con passeggini e sono presenti servizi attrezzati per il cambio. All’interno non esiste un’area ristoro o caffetteria, fatta eccezione per una piccola zona con le macchinette. L’area del Porto Antico è ricca di locali dove pranzare (c’è anche Eataly) ma se avete voglia di fare due passi, verso Via S. Lorenzo, per assaggiare la vera focaccia ligure o altre specialità da forno genovesi, vi consiglio Focaccia e Dintorni (grazie Sabrina, aka @sabri81ge, per averci portati! Averla poi gustata nell’area-gioco del Porto Antico, riscaldati da un bel sole tiepido, nonostante fossero i primi di gennaio, è stato davvero piacevole);
  • se poi volete uscire dall’area del Porto Antico (che da sola necessiterebbe di un mese per essere vissuta e conosciuta appieno!), vi consiglio una passeggiata nei carrugi del centro storico (i fan di De Andrè non possono non fare un salto al n. 29 di Via Del Campo) e, soprattutto, una capatina a Boccadasse, un caratteristico e coloratissimo borgo marinaro, proprio al fondo di Corso Italia. Ci sono diversi localini per cenare o per gustare un aperitivo sulla piccola ma suggestiva spiaggia. Per darvi un’idea delle distanze dall’Acquario sono circa 5 km. Se volete fare almeno un pezzo a piedi, vi consiglio di arrivare fino alla stazione Brignole (dal Porto Antico si impiega massimo una mezz’ora) e poi, da lì, prendere il pulman n. 31. Io vi confesso che, essendo sola con Teo, al ritorno ho preferito optare per un bel taxi, spendendo circa 15 euro.

Info e Prenotazioni

La Città dei bambini e dei ragazzi si trova nel Porto Antico di Genova, all’interno dei Magazzini del Cotone, Modulo 1 – 1° piano Tel. 010 2485790 info@cittadeibambini.net Qui trovate tutte le informazioni su orari e prezzi. Vi consiglio di preferire le ore del mattino per la visita, quelle del pomeriggio sono sempre le più affollate.

MUBA – Museo dei bambini Milano

E per concludere: il MUBA di Milano, un museo che promuove una cultura innovativa per l’infanzia con al centro l‘esperienza diretta dei bambini, secondo il metodo pedagogico dei Children’s Museums. Il MUBA, aperto nel 2014, è anche socio fondatore di Hands on! International, l’Associazione Europea dei Musei dei Bambini.

Il MUBA non ha una collezione da visitare liberamente, ma attività organizzate, a orari fissi, in due diversi spazi:

SPAZIO REMIDA: un luogo permanente di sperimentazione sensoriale per bambini dai 2 agli 11 anni. Questo spazio un week end al mese propone un allestimento per i più piccoli, dai 12 mesi ai 6 anni, dal nome REMIDA PER I PIU’ PICCOLI. Inoltre, sempre un week end al mese, sono realizzati laboratori DIDOLAB per la fascia 2-6 anni;

SPAZIO MOSTRE: un spazio che ospita mostre-gioco temporanee e interattive. Fino al 29 giugno 2018 è allestita COLORE per bambini dai 2 ai 6 anni. Si tratta di una mostra pensata per avvicinare i piccoli al mondo del colore e della luce attraverso un percorso attivo e sensoriale.

Noi abbiamo partecipato soltanto al laboratorio REMIDA e speriamo di riuscire a tornare al MUBA per il DIDOLAB o per la mostra COLORE, prima della fine di giugno.

Come funziona? REMIDA accoglie i bambini e i loro accompagnatori mettendo a disposizione una selezione di materiali scartati dalla produzione industriale ed artigianale, che si trasformano in preziose risorse creative.

Immaginate un salone enorme pieno di materiali delle più svariate tipologie (oggetti e scarti di carta, cartone, ceramica, stoffa, cordame, plastica, cuoio, gomma, legno e metallo, etc.) che diventano una possibilità infinita di gioco e sperimentazione.

L’attività dura circa 75 minuti, durante i quali gli educatori del MUBA (che hanno formazioni che spaziano dalla psicologia, al teatro, dalla pedagogia, all’arte e alla scienza) favoriscono il processo di gioco, senza interferire, e sono sempre a disposizione dei partecipanti.

Curiosità: REMIDA è un progetto dell’Istituzione Nidi e Scuole d’Infanzia del Comune di Reggio Emilia e di Iren Emilia, ideato nel 1996 e intorno al quale è nata una rete che si compone oggi di ben 17 centri nel mondo.

Perché visitare questo Museo con i bambini:

  • i bambini e i ragazzi possono sperimentare, conoscere e imparare attraverso il gioco e l’esperienza diretta;
  • è situato presso la Rotonda della Besana, uno splendido monumento storico di Milano, poco conosciuto ma molto affascinante. Un tempo era il sepolcro dell’Ospedale Maggiore di Milano, oggi è un’oasi di pace in centro città dove poter giocare e rilassarsi.

rotonda

Info e Prenotazioni E’ consigliato l’acquisto dei biglietti in prevendita, in particolare nei week end. Costi: € 8 bambino + € 6 adulto; famiglia 4 persone € 25. Qui trovate ogni informazione utile.

Spero di avervi dato qualche spunto interessante! Se vi va di suggerirmi altre realtà carine, sarò molto felice di conoscere le vostre esperienze!

Ciao, Elisa ♥️

Fotografare i bambini: i consigli di una talentuosa amica.

“Se hai l’ambizione di fare fotografie migliori, di impegnarti davvero per le tue immagini e le tue capacità. Se hai l’ambizione di guardare quel che fanno gli altri con le loro fotografie. In questi casi, sei un fotografo”.

Amo la fotografia, da quando sono diventata mamma il protagonista principale delle mie foto è Teo. Lo ritraggo spesso per cercare di cogliere attimi di questi anni così intensi, fatti di tanti momenti unici che spesso, oltre che nel cuore, desidero fermare in uno scatto.

Le foto dei bambini hanno un fortissima valenza emotiva, rappresentano alcuni dei ricordi più belli della vita.

Da tempo volevo provare a scrivere un post che raccogliesse alcuni suggerimenti per fotografare i bambini, una mission decisamente impegnativa e stimolante, soprattutto quando non si tratta di esserini statici, bensì di trottole da inseguire.

In questo post troverete alcuni consigli scritti con il fondamentale aiuto di una giovanissima e talentuosa amica: Federica Nota.

Piccoli accorgimenti – da mettere in pratica con macchina fotografica o smartphone – a cui, talvolta, non si presta attenzione, presi dalla smania di scattare, ma che possono fare la differenza.

Il consiglio più importante rimane, però, quello di sperimentare divertendosi. I bambini offrono infinite occasioni!

Federica non è una fotografa professionista ma sta studiando per realizzare il suo sogno. La sua passione è iniziata decisamente presto, già alle elementari scattava foto a tutto e tutti con la sua usa e getta e trascorreva volentieri il tempo a guardare foto e album di famiglia.

La passione si è trasformata in qualcosa di più serio verso i 18 anni. Inizialmente da autodidatta, poi seguendo corsi per imparare la tecnica, confrontarsi con esperti, trovare contatti e iniziare a mostrare qualche primo lavoro. Al momento sta continuando la sua formazione universitaria e portando avanti, allo stesso tempo, alcuni progetti fotografici, tra cui uno molto interessante sulle drag queen.

Su instagram la trovate come @federica.nota. I suoi ritratti mi colpiscono sempre per la loro particolarità e per la ricerca che c’è dietro.

Per Federica fotografare i bambini è un ottimo esercizio, non così lontano dal suo sogno di lavorare in ambito giornalistico. Ci sono, infatti, almeno due elementi comuni tra queste due attività apparentemente distanti: saper calibrare, come fotografo, quanto essere spettatore e quanto partecipe della scena; essere sempre pronto a cambiare tempi, aperture e impostazioni.

Abbiamo passato un bel pomeriggio insieme, tra il Parco del Valentino e le giostre di Natale.

Tra una chiacchiera e tanti scatti a Teo, ho cercato di raccogliere alcuni consigli:

  • Rispettare la prospettiva del bambino. Ci avete fatto caso? Soprattutto all’aperto, si tende spesso a fotografare i bambini dalla prospettiva dei grandi, cioè scattando dall’alto verso il basso. Non che sia un errore ma – a meno che non si abbia in mente uno scatto creativo tipo flat lay – il suggerimento è quello di mettersi al loro livello di occhi, sedendosi per terra o inginocchiandosi. Sembra banale ma cambia moltissimo il risultato finale. In questo modo si hanno due vantaggi: includere anche l’orizzonte dietro al bambino e non solo la terra (che diciamo non è proprio il massimo da vedere) e, soprattutto, scattare una foto dal suo punto di vista, dando al soggetto più forza all’interno della fotografia.

  • Riempire l’inquadratura. Sia per gli scatti all’aperto che per quelli in ambienti chiusi, è consigliabile avvicinarsi sempre al bambino, che deve essere l’elemento di spicco, evitando di riprendere troppi elementi che potrebbero distrarre l’osservatore e togliere bellezza alla foto. Soprattutto quando si fotografano i bimbi, per creare immagini dal forte impatto, è sufficiente puntare sui primissimi piani per creare un ritratto decisamente più intimo e accattivante. Se si utilizza il cellulare, il consiglio è di non usare lo zoom della fotocamera per non perdere qualità dell’immagine. E’ preferibile tenersi leggermente indietro rispetto alla giusta inquadratura, così si avrà più spazio per re-inquadrare e poi ritagliare l’immagine rispetto al soggetto principale.

  • Catturare le emozioni e ritrarre le prime conquiste. Le foto dei bimbi sono emozionanti non solo quando ritraggono momenti di gioia. La sfida è cercare di catturare più emozioni possibili: quando sbadigliano, sono eccitati o arrabbiati. Inoltre, è bello anche fermare in uno scatto momenti unici nella vita dei bambini, come la prima volta in cui si allacciano le scarpe, salgono su una giostra, vanno in bici senza rotelle o imparano a scrivere il proprio nome. Si può anche provare a concentrarsi soltanto sui particolari: le mani impegnate nella nuova attività; i piedini che spingono sui pedali, etc.

  • Farli divertire. I bambini, si sa, sanno essere poco pazienti. Per non annoiarli e avere foto naturali e divertenti può essere vincente puntare su “stratagemmi” come bolle di sapone, palloncini, lecca-lecca, elementi naturali, come foglie o altro a seconda delle stagioni, per gli scatti all’aperto.

Passando, infine, ai suggerimenti più tecnici:

  • Preferire sempre la luce naturale. La luce è tutto. Il luogo perfetto o una composizione interessante non sono nulla senza la luce giusta. Una delle cose più difficili è trovare una buona luce, non forte ma nemmeno eccessivamente fioca, calda ma non troppo. E’ sempre preferibile la luce naturale; le ore del tardo pomeriggio, le cosiddette golden hours, sono le migliori, ma anche le giornate nuvolose sono ottime per scattare bei ritratti ai bambini, perché permettono loro di mantenere gli occhi aperti e rilassati. Un altro piccolo suggerimento, se si fotografa in casa o in altro ambiente chiuso, è quello di ritrarre il bambino nella stanza più luminosa, possibilmente vicino ad una finestra per sfruttare al massimo la luce diffusa che entra ed evitare il flash, che generalmente appiattisce l’immagine, eliminando le ombre sottili che danno profondità e realismo al viso.

  • Scattare dopo la pioggia. Una situazione interessante per scattare ottimi ritratti ai bambini e trovare una luce unica è farlo subito dopo la pioggia, in tutte le stagioni. Giocare con le pozzanghere sarà molto divertente e la foto ne guadagnerà in naturalezza. La pioggia trasforma, spesso, scene banali in immagini suggestive grazie a bellissimi giochi di riflessi.
  • Provare lo scatto multiplo. I bambini non amano i ritratti in posa, si agitano, corrono, saltano. Se si usa una reflex o uno smartphone che permette uno scatto multiplo, provare ad impostare una velocità di scatto il più alta possibile.
  • Studiare la composizione fotografica e concentrarsi su un dettaglio. La capacità di vedere la foto prima dello scatto è sicuramente un talento, ma si può sempre migliorare. Ho trovato particolarmente interessanti ed efficaci questo video basato sulle foto di Steve McCurry e questo articolo su come i grandi maestri della fotografia gestiscono la composizione. Federica mi spiegava che se si utilizza una reflex, per un ritratto è preferibile provare aperture di diaframma maggiori (es. f/1.8) in modo da mettere a fuoco un solo dettaglio per farlo risaltare. Per il ritratto viso/mezzo busto, se, per esempio, si vuole mettere in evidenza lo sguardo del bambino è preferibile usare le massime aperture dell’obiettivo e mettere a fuoco solo la zona degli occhi, in modo da creare un contrasto tra lo sguardo e lo sfondo sfocato. E’ possibile anche provare a riprendere il soggetto di tre quarti per ritrarre solo un occhio dominante. Per il ritratto ambientato (figura intera + ambientazione) è, invece, preferibile utilizzare aperture minori (f/8, f/11 dipende dalle altre variabili) in modo da mettere a fuoco il soggetto e anche il contesto. Inoltre, per non appiattire la foto si può sistemare il soggetto su delle diagonali oppure sui punti d’incontro delle griglie che il mirino della reflex fornisce. Queste griglie sono spesso disponibili anche tra le funzioni della fotocamera dei cellulari.

  • Provare il bianco e nero. I ritratti dei volti scavati degli anziani, con le loro le rughe di espressione, acquistano senza dubbio qualcosa di emozionante in bianco e nero. Ma anche le foto dei bambini possono essere belle in b&n. Quando si scatta un buon ritratto a colori che, tuttavia, non convince fino in fondo, il consiglio è di provare a convertirlo anche in bianco e nero. Talvolta il risultato finale è ancora più interessante.

  • Editing. Parlando di smartphone, esistono tantissimi programmi per migliorare le foto. Uno dei migliori, piuttosto semplice da usare, è Snapseed, anche solo nella versione scaricabile gratuitamente. A volte, un buon ritaglio o una corretta esposizione fanno miracoli.

Vi piacciono le foto? A me moltissimo! Grazie Federica❤.

P.S. Ho scoperto che esiste l’Associazione Fotografia Italiana Neonati e Bambini, fondata nel 2014 da alcune fotografe di varie parti d’Italia. Sul loro blog ci sono anche consigli su come fotografare al meglio le feste di Natale in famiglia.

Un bacio, Elisa

Il nuovo punto family friendly del Consiglio regionale del Piemonte. Un spazio allegro e ospitale per tutte le famiglie.

Capita a tante mamme di trovarsi fuori casa e dover allattare il proprio bambino; succede quotidianamente a genitori o nonni di essere in giro e dover cercare un luogo per scaldare il biberon o cambiare in emergenza il pannolino.

A me è capitato un sacco di volte e talvolta succede ancora: Teo ha deciso che toglierà il pannolino al compimento dei 18 anni!

A parte gli scherzi, sembra incredibile ma non sono numerosi i luoghi nelle nostre città che offrono uno spazio dove poter allattare comodamente o cambiare il bambino in situazioni igieniche e sicure. Pertanto, sono davvero felice di dedicare questo post all’apertura di un nuovo spazio, in pieno centro a Torino, fruibile da chiunque lo desideri, cittadini e turisti.

Ieri mattina, infatti, é stato inaugurato il punto Piemonte family friendly di Palazzo Lascaris in via Alfieri 15 a Torino, sede del Consiglio regionale del Piemonte. Per chi non fosse pratico, via Alfieri si trova in pieno centro storico, tra le piazze San Carlo e Solferino.

Si tratta di uno spazio accessibile a tutti, secondo gli orari di apertura del palazzo (lunedì-venerdì dalle 8 alle 19), coloratissimo e molto accogliente, attrezzato al piano terra dell’edificio con ogni confort per permettere di allattare in tutta tranquillità, cambiare il pannolino, scaldare il biberon e, nel frattempo, far giocare eventuali sorelline o fratellini più grandi. 

La stanza è dotata di due grandi fasciatoi con materassini, due comode poltrone per l’allattamento, uno scaldabiberon, un lavandino, un tavolino con sgabellini, nonché giochi e libri per una pausa rilassante per tutti i bambini, piccoli e grandi. Lo spazio, inoltre, è attiguo ai servizi igienici.

Il prossimo obiettivo del progetto Piemonte family friendly (ideato dal Consiglio regionale, dalla Consulta femminile regionale e da quella delle Elette, in collaborazione con l’associazione Vivere onlus) è arrivare all’apertura di altri punti analoghi, entro il prossimo anno, in numerosi Comuni piemontesi.

Nel mio piccolo ho voluto partecipare a questa bella iniziativa con un gesto minuscolo: donare alcuni giochi e libri di Teo. Sono certa che questo spazio, nato dall’impegno e dalla passione di tante persone, sarà fruito al meglio da chiunque passi, con i propri bambini, dal centro di Torino.

Se volete conoscere altri luoghi, in giro per la città, dove poter allattare o cambiare il pannolino vi segnalo allatTo.it creato da Valentina, una mamma toscana che vive a Torino dal 2007. Valentina ha voluto raccogliere in un unico sito una selezione di luoghi, suddivisi per quartiere, da lei sperimentati dove poter allattare o cambiare il pannolino (locali, bar, negozi, farmacie, parchi, etc.). È felice di ricevere altre segnalazioni, così ho deciso di scriverle, certa che aggiungerà con piacere al suo elenco il nuovo bellissimo punto Piemonte family friendly inaugurato a Palazzo Lascaris.

Diffondiamo la voce! 😉

Buon sabato, Elisa

I Terribili due: piccolo bignami di sopravvivenza.

Negli ultimi tempi ho testato alcuni metodi per cercare di affrontare al meglio i momenti di crisi di Teo (i Terrible two sono arrivati anche a casa nostra!) e la fase della nanna.

Li condivido volentieri nel caso anche voi vi troviate ad affrontare questi simpatici momenti e se avete altri consigli sarei davvero curiosa di conoscerli.

 

Capricci e fase oppositiva

arghhh_by_lordcraigus
immagini tratte da internet

Se quasi improvvisamente vi ritrovate tra le mani un bambino che fa capricci, non ascolta e vuole fare (quasi) tutto da solo, siete probabilmente nel pieno dei Terrible two. E’ una fase di crescita (di solito tra i 18 e i 36 mesi) in cui i piccoli, attraverso una quotidiana lotta per l’indipendenza, si trasformano in grandi, scoprono di essere altro rispetto alla mamma e di avere bisogni e desideri propri.

Insomma, quel periodo rilassante in cui i “no” sono all’ordine del giorno, la testardaggine è alle stelle e i pianti sono, talvolta, inconsolabili.

Il mio ometto ha quasi 2 anni e mezzo e, se anche non avessimo fatto attenzione al calendario, ci saremmo comunque accorti che qualcosa di nuovo stava succedendo. Teo,  infatti, è un bimbo nato con il sorriso sulle labbra e, fin da piccolo, è sempre stato molto socievole e accomodante, tuttavia, da questa estate, ha iniziato ad avere dei momenti in cui facevo fatica a riconoscerlo.

Certo, tutto normale, è una fase da attraversare, ogni bambino ci passa, chi prima chi dopo, ma porca miseria che fatica e che sconforto a volte!

E’ la fase delle prime “frustrazioni”, della grande voglia di esplorare ma di stare, al contempo, ancora saldamente attaccati alla gonna di mamma, dell’iniziare a sperimentare i limiti e assaggiare le diverse emozioni. La rabbia, soprattutto, è centrale nel sentire dei bambini, in particolare di quelli piccoli, che la sperimentano in continuazione, essendo parte integrante del loro percorso di crescita.

Trovo che mi stia aiutando molto cercare di mettermi nei panni del mio bambino, fare lo sforzo di capire, con grandi dosi di pazienza, i suoi momenti di frustrazione o incertezza, provando ad aiutarlo a dare un nome a ciò che prova.

Siamo solo all’inizio e, a volte, in realtà, mi sembra più un lavoro da fare su me stessa.

Ecco, allora, un piccolissimo bignami  di sopravvivenza, con alcune tecniche che si sono rivelate piuttosto utili in questa fase:

  1. Anticipare le situazioni critiche: questa è forse la regola più importante, prima di affrontare una situazione che può essere fonte di capricci cerco di anticipare quello che sta per succedere, del tipo: “Teo ancora due minuti di ciuccio e poi lo posiamo, lo sai che è solo per fare la nanna“; “Gioca ancora ma fra poco mamma ti chiama per andare a casa a lavarci e mangiare“; “Un cartone e poi ci vestiamo per uscire”; “leggiamo una storia soltanto perchè è molto tardi, poi accendiamo le stelline e facciamo la nanna“. Parlando e anticipando è possibile prepararli alla prossima mossa, che forse (e sottolineo forse) risulterà così più semplice.
  2. L’alternativa: quando propongo qualcosa a Teo cerco, quando possibile, di dare due alternative (entrambe ovviamente fattibili, senza mettermi in difficoltà da sola!); in questo modo gli lascio un certo margine di scelta, che diventa fondamentale per affermare il suo crescente bisogno di autonomia e autoaffermazione.
  3. Dribblare l’ostacolo con una storia: quando fa capricci per lavarsi, vestirsi e uscire (vedi ultimamente la mattina per andare al nido), cerco di renderlo più collaborativo catturando la sua attenzione con una storiella inventata al momento (con i mezzi da lavoro o con quelli di trasporto o soccorso vado sul sicuro!).
  4. Non troppe regole: cerco di essere il più possibile flessibile e di evitare di dire “no” ad ogni cosa, anche se in alcuni casi mi costa davero fatica, questo nella speranza che, man mano, Teo possa comprendere meglio quali sono le regole e i limiti davvero importanti, sui quali non si può proprio chiudere un occhio.
  5. Lasciare sfogare e cercare di rimanere calma: un mega capriccio o un pianto disperato, soprattutto in pubblico, possono creare un forte imbarazzo, possono portarci  facilmente a perdere la pazienza, ad alzare la voce, ma ho tverificato quanto questo possa essere controproducente. Allora provo a lasciarlo sfogare per qualche minuto, mi abbasso fisicamente al suo livello, lo guardo negli occhi e cerco di parlargli con tranquillità. Non sempre, ma molte volte questo atteggiamento è sufficiente per farlo calmare.
  6. Chiedere scusa e imparare l’empatia: è emotivamente impegnativo sgridare il proprio figlio quando ha un comportamento errato o negativo ed essere forti e irremovibili nelle decisioni assunte. A volte sento di non esserlo abbastanza, altre volte, invece, mi sembra addirittura di pretendere troppo da Teo. E’ ancora piccolo ma credo sia fondamentale, fin da ora, iniziare a trasmettergli il messaggio che tutti sbagliamo, che tutti facciamo degli errori – sia i bambini che gli adulti – e che qualche volta le conseguenze dei nostri errori impattano sugli altri, ferendoli. E’ quindi importante insegnare a chiedere scusa, non per semplice educazione, bensì per aiutare i bambini a mettersi nei panni degli altri. Leggevo che l’età compresa tra i 2 e i 6 anni è quella che Piaget chiamava “stadio dell’intelligenza intuitiva”, è proprio in questa fase che i bambini, nonostante non comprendano ancora pienamente il mondo degli adulti, imparano il senso del rispetto, intuiscono che c’è un universo che va oltre le proprie necessità e iniziano a scoprire l’empatia e la reciprocità.
  7. Quando ci vuole, ci vuole: se, per esempio, nonostante le mille parole, la pazienza a palate, dopo aver passato due ore ai giardini, avergli lasciato ancora qualche minuto in più e avergli anticipato che di lì a poco saremmo andati a casa, il nanetto ancora si rifiuta di salire sul passeggino, diventando rigido come un tronco di legno, allora passo alle maniere forti: bloccaggio e chiusura delle cinghie senza ripensamenti. A quel punto lui urlerà e inarcherà la schiena, muovendo le gambe come un pesce appena pescato, ma almeno avrò portato a casa il risultato (nonostante il mio contorcimento di budella) sotto gli sguardi di disappunto – o, se non sono stronze, di solidarietà – delle altre mamme.

Per finire, sul tema Terrible two e sul carico mentale, che ci coinvolge più o meno tutte (ossia il “peso di tutte quelle acrobazie cerebrali, invisibili, costanti e sfiancanti che portano, per il benessere di tutti e il funzionamento efficace della casa, generalmente le donne”), vi consiglio i post ironici e profondi di queste mamme (e blogger) che seguo e apprezzo.

Era tutta colpa del carico mentale di Gynepraio

Prontuario di sopravvivenza ai Terrible Two di Giovanna Gallo

A volte non ascoltare è il modo migliore per essere madre sempre di Giovanna Gallo

Avere una bambina di due anni (e mezzo) di Serena Mammadalprimosguardo

La nanna

Rispetto a quando Teo era neonato, ora la notte finalmente dormiamo (tosse o raffreddori vari permettendo). Mi sembra davvero una conquista enorme, quasi commovente! La fase dell’addormentamento, invece, ci offre ancora, talvolta, qualche bel momento estenuante.

Teo, infatti, anche se stravolto fisicamente, difficilmente crolla, non vorrebbe mai staccarsi dal gioco o da quello che sta facendo per entrare in una dimensione di calma.

Abbiamo creato anche noi una specie di routine serale (su cui non mi dilungo), che è una buona strategia per far comprendere ai piccoli che si avvicina il momento della nanna. Il nostro rituale non è certo da manuale, è molto flessibile e risente, nostro malgrado, degli orari di lavoro del papà ma, comunque, prevede alcuni passaggi fissi: lavaggio dei denti, un cartone e una favola, letta o raccontata.

Spesso, però, aggiungiamo o sostituiamo alla favola un’altra coccola: una storia con massaggio, cioè una storia raccontata toccando alcune parti del corpo di Teo, che, lentamente, in questo modo, si rilassa e addormenta.

Mi spiego meglio: la nostra è la storia della Fata della Nanna (ma ogni variazione è benvenuta, da declinare e arricchire secondo i gusti dei piccoli) che vola, vola e pian piano, si posa prima su un piedino di Teo – dove trova le piccole dita cicciotte che, una ad una, si addormentano sotto il suo magico tocco – poi plana sul popaccio, sul ginocchio, sulla coscia e, via via salendo, sul sederino, sul pisellino, sull’ombellico – dove trova una minuscola piscina per fare un bagnetto – fino ad arrivare alla bocca, al ciuccio, alle guance, alle orecchie, al nasino e, finalmente, agli occhietti di Teo, che, stanchi, si chiudono e si addormentano.

Vi assicuro che funziona, non ci potevo credere nemmeno io le prime volte! E’ davvero tenero e divertente vedere come Teo collabori nel porgermi i piedini e le manine, sollevando la maglia per farmi massaggiare meglio il pancino o togliendosi il ciuccio per far addormentare dalla fatina anche le labbra e i dentini.

E’ sorprendente come, quasi sempre, questa tecnica, questo passaggio della Fata della Nanna, riesca a rilassarlo in breve tempo. Il trucco è la voce dolce e il massaggio fatto di leggeri sfioramenti. E’ una coccola che fa bene a loro ma anche a noi!

Se vi va di provare ditemi poi cosa ne pensate e se avete altri trucchi o suggerimenti sarò molto felice di leggerli!

Ciao, Elisa

20171008_113834-01

 

 

 

La disfluenza verbale nei bambini piccoli. Consigli scaccia ansia!

Filastrocca delle parole:
si faccia avanti chi ne vuole.
Di parole ho la testa piena,
con dentro “la luna” e “la balena”.
Ma le più belle che ho nel cuore,
le sento battere: “mamma”, “amore”.

Ho riflettuto bene prima di scrivere questo post, perché riguarda qualcosa di personale che mi ha causato una certa ansia (strano?! Io, ansiosa?!?), ma, alla fine, mi sono convinta che portare la nostra esperienza, in questo piccolo spazio, possa essere utile anche ad altri.

Teo (che ora ha 28 mesi come il Parmigiano Bollino argento) ha iniziato a parlucchiare e, via via, a pronunciare un numero sempre maggiore di parole più o meno comprensibili verso l’anno-l’anno e mezzo e già da mesi articola piccole frasi ed è molto desideroso di esprimersi.

Circa un mesetto fa, tuttavia, ha avuto un periodo di disfluenza del linguaggio: aveva frequenti esitazioni ad iniziare le frasi, ripeteva più volte la prima sillaba oppure la faceva durare eccessivamente, senza arrivare, in alcuni casi, a terminare la parola.

Inizialmente non ci ho dato troppo peso, poi, ripetendosi la situazione, un po’ disorientata, ho voluto approfondire il tema leggendo e, soprattutto, parlando con persone esperte per capire come comportarci al meglio e dare anche consigli a chi (i nonni) trascorre con lui parecchie ore al giorno, soprattutto in questo periodo estivo.

Nelle ultime settimane va molto meglio (anzi, a dirla tutta, c’è stata addirittura una evoluzione positiva, un vero e proprio progresso nel linguaggio) ma può essere un’esperienza disorientante e poco piacevole rendersi conto che c’è qualcosa di “diverso” rispetto al solito nel modo di parlare del proprio bambino, in particolare se questo accade in assenza di traumi o cambiamenti importanti (come la nascita di un fratellino o l’inserimento al nido).

Ammetto che conoscevamo solo superficialmente l’argomento. Dopo aver approfondito, ci siamo molto rasserenati. Spero che le informazioni e i suggerimenti raccolti possano servire e tranquillizzare anche chi sta vivendo un’esperienza simile.

La grande maggioranza di bambini piccoli che, a partire da un certo momento (questo può avvenire indicativamente verso i 2-3 anni), inizia a “balbettaresta semplicemente attraversando una fase di normale sviluppo del linguaggio.

Questi fenomeni disfluenti nel parlare nella prima infanzia non sono vere e proprie balbuzie, possono presentarsi quando il bambino sta acquisendo padronanza del linguaggio ed è posto davanti a decisioni sulla trasposizione di pensieri in parole.

stacks_image_58

Noi genitori riusciamo spontaneamente a favorire l’emergere nei nostri figli di due importanti capacità: il cammino e la parola. In entrambi i casi, il piccolo è sostenuto fino alla realizzazione dei primi passi e alla comparsa delle prime parole. Poi, come l’evoluzione dell’attività motoria viene lasciata all’esercitazione autonoma del piccolo, così anche la parola, una volta comparsa, viene spesso affidata ad uno sviluppo spontaneo.

Tuttavia, la capacità di parlare non è assolutamente assimilabile a quella di camminare, il processo evolutivo è infinitamente più lungo e complesso di quanto si possa pensare, per cui è fondamentale continuare a guidare, nel modo più appropriato possibile, lo sviluppo del linguaggio dei bambini, almeno fino all’ingresso nella scuola elementare.

cccccc

La realizzazione della parola parlata è resa possibile dalla simultanea azione di oltre un centinaio di muscoli fini. Nessuno, quando parla, si preoccupa di quello che deve fare con diaframma, corde vocali, muscoli articolatori, etc., la sua attenzione è tutta concentrata su quello che vuole dire. L’esecuzione dei movimenti è, infatti, possibile grazie alla presenza, nella corteccia cerebrale, di un servomeccanismo connesso con i centri dell’ideazione e del linguaggio: il Centro di Broca o Centro motorio della parola, che, tuttavia, i bambini piccoli ancora non possiedono, lo costruiscono man mano che procede la loro abilità nel parlare.

I bambini, pertanto, tollerano in maniera assolutamente naturale uno “squilibrio” fra mappa cognitiva e linguistica, che è di per sè la norma, ma quando si forma uno squilibrio eccessivo fra pensiero, troppo ricco e articolato, e il linguaggio che serve a codificarlo (soprattutto in presenza di grande sensibilità e desiderio di comunicare), essi possono trovarsi di fronte a improvvise difficoltà per codificare con parole e frasi tutto ciò che vorrebbero dire.

La ricerca affannosa di termini, che non sono disponibili o facilmente evocabili, può provocare così esitazioni o ripetizioni.

I bambini verso i due-tre anni presentano un incredibile aumento del vocabolario, paragonabile solo a quello che avranno verso i sei, al momento del loro ingresso nella scuola elementare. L’aumento del vocabolario che si verifica in questi due periodi non sarà mai eguagliato in nessuna altra epoca della loro vita. Inoltre, verso i tre anni, iniziano a cimentarsi con i problemi della sintassi. Non deve quindi meravigliare il fatto che possano trovare difficoltà al momento di rievocare la parola giusta o di organizzare in frasi il loro pensiero.

19687

Per noi genitori è tranquilizzante sapere che non si tratta di una carenza linguistica in rapporto alla norma (anzi spesso il bambino che mostra iniziali disfluenze può presentare un lessico o una padronanza sintattica superiore ai coetanei), bensì di una disarmonia fra il suo pensiero molto ricco e l’insufficiente disponibilità del suo patrimonio verbale.

Ecco allora qualche consiglio che ho raccolto e condivido volentieri, sperando possa essere utile:

1. Mantenere una serena atmosfera comunicativa

La combinazione di più elementi (come la competizione con gli adulti o fratelli per parlare o essere ascoltati; la distanza nel tempo o nello spazio di ciò di cui si parla; il grado di astrazione dell’argomento; la complessità del linguaggio ascoltato; il livello di eccitazione del bambino o della situazione) può contribuire a creare uno stress comunicativo.

Il consiglio principale è eliminare, per quanto possibile, qualsiasi elemento di stress, parlare con il bambino ponendosi al suo livello di pensiero ed emozione, con un linguaggio semplice ma corretto, ripetitivo, legato al concreto e al “qui e ora”,  senza troppe domande su avvenimenti passati o futuri, sempre con voce tranquilla ma con enfasi sulle parole più nuove o importanti, come quando si raccontano le storie.

Inoltre, parlare al bambino mentre agisce direttamente, commentando verbalmente le sue azioni, i particolari degli oggetti che manipola, i sentimenti che sta provando, proprio mentre li prova.

Questa attività di commento o telecronaca continua sembra assurda e non è molto utilizzata da noi genitori ma è invece importantissima.

2. Non evidenziare le difficoltà verbali e correggere solo indirettamente

Qualsiasi errore nelle espressioni infantili (sia fonologico come l’errore di pronuncia, lessicale come la scelta della parola più corretta o appropriata, sintattico come l’uso di preposizioni, congiunzioni, tempi dei verbi ecc., sia come esitazioni o ripetizioni estemporanee) deve essere corretto solo in modo indiretto.

Se, ad esempio, al posto di “camion dei pompieri” il bambino dice “baion peri” sforzarsi di non dire: “non si dice baion peri, si dice camion dei pompieri”. Occorre insinuare una correzione senza dire al piccolo che sta sbagliando, provando semplicemente a ripetere la parola o la frase in modo corretto. Magari dicendo “Sì, bravo, è proprio un camion dei pompieri!”.

Quindi: non correggere mai esplicitamente le parole o frasi incomplete o scorrette, ma ripeterle corrette e complete nel contesto della risposta, iniziando anche con una espressione di apprezzamento.

3. Migliorare il proprio ruolo di ascoltatore

Nelle difficoltà di tutti i giorni è normale che, talvolta, il nostro ascolto sia distratto e superficiale ma saper ascoltare davvero significa far capire al piccolo che è un interlocutore prezioso, mostrare attenzione al cosa dice piuttosto che al come lo dice. Non è sempre facile, tuttavia è molto importante cercare di rallentare, avere pazienza e ascoltare con tranquillità ciò che il bambino vuole esprimere, evitando di completare le frasi.

I bambini vogliono l’attenzione degli adulti significativi, la vogliono completa e totale. Non hanno ancora imparato ad aspettare il loro turno. Non sanno ancora mettersi nei panni degli altri, è abbastanza comune che quando cercano in ogni modo di farsi ascoltare finiscano per ripetere o incespicare nelle parole. A volte basta guardarli negli occhi con attenzione per tranquillizzarli e far scomparire le disfluenze.

4. Largo uso di canzoni e filastrocche

Del resto, le filastrocche, come amava definirle Rodari, sono dei preziosi “giocattoli” per i bambini. Con il loro ritmo hanno qualcosa di miracoloso, un incredibile effetto stimolante sulla parola. Qui potete trovare quasi un centinaio delle sue filastrocche più belle e famose!

Vi saluto con qualche suggerimento di lettura interessante:

  • “Parlare…giocando. Consigli ai genitori per aiutare i bambini a parlare bene” della logopedista Claudia Azzaro; un libro pensato per mamma e papà con suggerimenti e trucchi per stimolare i bimbi ad esprimersi correttamente.
  • “Parlare un gioco a due” di Jan Pepper e Elaine Weitzman; questo libro mostra ai genitori come divertirsi con il bambino trasformando ogni interazione in un’opportunità di apprendimento del linguaggio.
  • “Storie con prassie e onomatopee. Attività e giochi per l’allenamento della motricità buccale” delle logopediste Valentina Dutto e Marta Rinaudo. Un volume pensato per tutti i bambini, in particolare per quelli con disturbi di interesse logopedico e che hanno presentato o presentano abitudini viziate come l’uso protratto del ciuccio, del biberon o il succhiamento del dito. Ecco un estratto.

Essere genitori è davvero una bella e impegnativa avventura, fatta di mille attenzioni, talvolta  di ansie, di orecchie, occhi e cuore sempre aperti.

images
Immagini da internet