Fotografare i bambini: i consigli di una talentuosa amica.

“Se hai l’ambizione di fare fotografie migliori, di impegnarti davvero per le tue immagini e le tue capacità. Se hai l’ambizione di guardare quel che fanno gli altri con le loro fotografie. In questi casi, sei un fotografo”.

Amo la fotografia, da quando sono diventata mamma il protagonista principale delle mie foto è Teo. Lo ritraggo spesso per cercare di cogliere attimi di questi anni così intensi, fatti di tanti momenti unici che spesso, oltre che nel cuore, desidero fermare in uno scatto.

Le foto dei bambini hanno un fortissima valenza emotiva, rappresentano alcuni dei ricordi più belli della vita.

Da tempo volevo provare a scrivere un post che raccogliesse alcuni suggerimenti per fotografare i bambini, una mission decisamente impegnativa e stimolante, soprattutto quando non si tratta di esserini statici, bensì di trottole da inseguire.

In questo post troverete alcuni consigli scritti con il fondamentale aiuto di una giovanissima e talentuosa amica: Federica Nota.

Piccoli accorgimenti – da mettere in pratica con macchina fotografica o smartphone – a cui, talvolta, non si presta attenzione, presi dalla smania di scattare, ma che possono fare la differenza.

Il consiglio più importante rimane, però, quello di sperimentare divertendosi. I bambini offrono infinite occasioni!

Federica non è una fotografa professionista ma sta studiando per realizzare il suo sogno. La sua passione è iniziata decisamente presto, già alle elementari scattava foto a tutto e tutti con la sua usa e getta e trascorreva volentieri il tempo a guardare foto e album di famiglia.

La passione si è trasformata in qualcosa di più serio verso i 18 anni. Inizialmente da autodidatta, poi seguendo corsi per imparare la tecnica, confrontarsi con esperti, trovare contatti e iniziare a mostrare qualche primo lavoro. Al momento sta continuando la sua formazione universitaria e portando avanti, allo stesso tempo, alcuni progetti fotografici, tra cui uno molto interessante sulle drag queen.

Su instagram la trovate come @federica.nota. I suoi ritratti mi colpiscono sempre per la loro particolarità e per la ricerca che c’è dietro.

Per Federica fotografare i bambini è un ottimo esercizio, non così lontano dal suo sogno di lavorare in ambito giornalistico. Ci sono, infatti, almeno due elementi comuni tra queste due attività apparentemente distanti: saper calibrare, come fotografo, quanto essere spettatore e quanto partecipe della scena; essere sempre pronto a cambiare tempi, aperture e impostazioni.

Abbiamo passato un bel pomeriggio insieme, tra il Parco del Valentino e le giostre di Natale.

Tra una chiacchiera e tanti scatti a Teo, ho cercato di raccogliere alcuni consigli:

  • Rispettare la prospettiva del bambino. Ci avete fatto caso? Soprattutto all’aperto, si tende spesso a fotografare i bambini dalla prospettiva dei grandi, cioè scattando dall’alto verso il basso. Non che sia un errore ma – a meno che non si abbia in mente uno scatto creativo tipo flat lay – il suggerimento è quello di mettersi al loro livello di occhi, sedendosi per terra o inginocchiandosi. Sembra banale ma cambia moltissimo il risultato finale. In questo modo si hanno due vantaggi: includere anche l’orizzonte dietro al bambino e non solo la terra (che diciamo non è proprio il massimo da vedere) e, soprattutto, scattare una foto dal suo punto di vista, dando al soggetto più forza all’interno della fotografia.

  • Riempire l’inquadratura. Sia per gli scatti all’aperto che per quelli in ambienti chiusi, è consigliabile avvicinarsi sempre al bambino, che deve essere l’elemento di spicco, evitando di riprendere troppi elementi che potrebbero distrarre l’osservatore e togliere bellezza alla foto. Soprattutto quando si fotografano i bimbi, per creare immagini dal forte impatto, è sufficiente puntare sui primissimi piani per creare un ritratto decisamente più intimo e accattivante. Se si utilizza il cellulare, il consiglio è di non usare lo zoom della fotocamera per non perdere qualità dell’immagine. E’ preferibile tenersi leggermente indietro rispetto alla giusta inquadratura, così si avrà più spazio per re-inquadrare e poi ritagliare l’immagine rispetto al soggetto principale.

  • Catturare le emozioni e ritrarre le prime conquiste. Le foto dei bimbi sono emozionanti non solo quando ritraggono momenti di gioia. La sfida è cercare di catturare più emozioni possibili: quando sbadigliano, sono eccitati o arrabbiati. Inoltre, è bello anche fermare in uno scatto momenti unici nella vita dei bambini, come la prima volta in cui si allacciano le scarpe, salgono su una giostra, vanno in bici senza rotelle o imparano a scrivere il proprio nome. Si può anche provare a concentrarsi soltanto sui particolari: le mani impegnate nella nuova attività; i piedini che spingono sui pedali, etc.

  • Farli divertire. I bambini, si sa, sanno essere poco pazienti. Per non annoiarli e avere foto naturali e divertenti può essere vincente puntare su “stratagemmi” come bolle di sapone, palloncini, lecca-lecca, elementi naturali, come foglie o altro a seconda delle stagioni, per gli scatti all’aperto.

Passando, infine, ai suggerimenti più tecnici:

  • Preferire sempre la luce naturale. La luce è tutto. Il luogo perfetto o una composizione interessante non sono nulla senza la luce giusta. Una delle cose più difficili è trovare una buona luce, non forte ma nemmeno eccessivamente fioca, calda ma non troppo. E’ sempre preferibile la luce naturale; le ore del tardo pomeriggio, le cosiddette golden hours, sono le migliori, ma anche le giornate nuvolose sono ottime per scattare bei ritratti ai bambini, perché permettono loro di mantenere gli occhi aperti e rilassati. Un altro piccolo suggerimento, se si fotografa in casa o in altro ambiente chiuso, è quello di ritrarre il bambino nella stanza più luminosa, possibilmente vicino ad una finestra per sfruttare al massimo la luce diffusa che entra ed evitare il flash, che generalmente appiattisce l’immagine, eliminando le ombre sottili che danno profondità e realismo al viso.

  • Scattare dopo la pioggia. Una situazione interessante per scattare ottimi ritratti ai bambini e trovare una luce unica è farlo subito dopo la pioggia, in tutte le stagioni. Giocare con le pozzanghere sarà molto divertente e la foto ne guadagnerà in naturalezza. La pioggia trasforma, spesso, scene banali in immagini suggestive grazie a bellissimi giochi di riflessi.
  • Provare lo scatto multiplo. I bambini non amano i ritratti in posa, si agitano, corrono, saltano. Se si usa una reflex o uno smartphone che permette uno scatto multiplo, provare ad impostare una velocità di scatto il più alta possibile.
  • Studiare la composizione fotografica e concentrarsi su un dettaglio. La capacità di vedere la foto prima dello scatto è sicuramente un talento, ma si può sempre migliorare. Ho trovato particolarmente interessanti ed efficaci questo video basato sulle foto di Steve McCurry e questo articolo su come i grandi maestri della fotografia gestiscono la composizione. Federica mi spiegava che se si utilizza una reflex, per un ritratto è preferibile provare aperture di diaframma maggiori (es. f/1.8) in modo da mettere a fuoco un solo dettaglio per farlo risaltare. Per il ritratto viso/mezzo busto, se, per esempio, si vuole mettere in evidenza lo sguardo del bambino è preferibile usare le massime aperture dell’obiettivo e mettere a fuoco solo la zona degli occhi, in modo da creare un contrasto tra lo sguardo e lo sfondo sfocato. E’ possibile anche provare a riprendere il soggetto di tre quarti per ritrarre solo un occhio dominante. Per il ritratto ambientato (figura intera + ambientazione) è, invece, preferibile utilizzare aperture minori (f/8, f/11 dipende dalle altre variabili) in modo da mettere a fuoco il soggetto e anche il contesto. Inoltre, per non appiattire la foto si può sistemare il soggetto su delle diagonali oppure sui punti d’incontro delle griglie che il mirino della reflex fornisce. Queste griglie sono spesso disponibili anche tra le funzioni della fotocamera dei cellulari.

  • Provare il bianco e nero. I ritratti dei volti scavati degli anziani, con le loro le rughe di espressione, acquistano senza dubbio qualcosa di emozionante in bianco e nero. Ma anche le foto dei bambini possono essere belle in b&n. Quando si scatta un buon ritratto a colori che, tuttavia, non convince fino in fondo, il consiglio è di provare a convertirlo anche in bianco e nero. Talvolta il risultato finale è ancora più interessante.

  • Editing. Parlando di smartphone, esistono tantissimi programmi per migliorare le foto. Uno dei migliori, piuttosto semplice da usare, è Snapseed, anche solo nella versione scaricabile gratuitamente. A volte, un buon ritaglio o una corretta esposizione fanno miracoli.

Vi piacciono le foto? A me moltissimo! Grazie Federica❤.

P.S. Ho scoperto che esiste l’Associazione Fotografia Italiana Neonati e Bambini, fondata nel 2014 da alcune fotografe di varie parti d’Italia. Sul loro blog ci sono anche consigli su come fotografare al meglio le feste di Natale in famiglia.

Un bacio, Elisa

Annunci

Il nuovo punto family friendly del Consiglio regionale del Piemonte. Un spazio allegro e ospitale per tutte le famiglie.

Capita a tante mamme di trovarsi fuori casa e dover allattare il proprio bambino; succede quotidianamente a genitori o nonni di essere in giro e dover cercare un luogo per scaldare il biberon o cambiare in emergenza il pannolino.

A me è capitato un sacco di volte e talvolta succede ancora: Teo ha deciso che toglierà il pannolino al compimento dei 18 anni!

A parte gli scherzi, sembra incredibile ma non sono numerosi i luoghi nelle nostre città che offrono uno spazio dove poter allattare comodamente o cambiare il bambino in situazioni igieniche e sicure. Pertanto, sono davvero felice di dedicare questo post all’apertura di un nuovo spazio, in pieno centro a Torino, fruibile da chiunque lo desideri, cittadini e turisti.

Ieri mattina, infatti, é stato inaugurato il punto Piemonte family friendly di Palazzo Lascaris in via Alfieri 15 a Torino, sede del Consiglio regionale del Piemonte. Per chi non fosse pratico, via Alfieri si trova in pieno centro storico, tra le piazze San Carlo e Solferino.

Si tratta di uno spazio accessibile a tutti, secondo gli orari di apertura del palazzo (lunedì-venerdì dalle 8 alle 19), coloratissimo e molto accogliente, attrezzato al piano terra dell’edificio con ogni confort per permettere di allattare in tutta tranquillità, cambiare il pannolino, scaldare il biberon e, nel frattempo, far giocare eventuali sorelline o fratellini più grandi. 

La stanza è dotata di due grandi fasciatoi con materassini, due comode poltrone per l’allattamento, uno scaldabiberon, un lavandino, un tavolino con sgabellini, nonché giochi e libri per una pausa rilassante per tutti i bambini, piccoli e grandi. Lo spazio, inoltre, è attiguo ai servizi igienici.

Il prossimo obiettivo del progetto Piemonte family friendly (ideato dal Consiglio regionale, dalla Consulta femminile regionale e da quella delle Elette, in collaborazione con l’associazione Vivere onlus) è arrivare all’apertura di altri punti analoghi, entro il prossimo anno, in numerosi Comuni piemontesi.

Nel mio piccolo ho voluto partecipare a questa bella iniziativa con un gesto minuscolo: donare alcuni giochi e libri di Teo. Sono certa che questo spazio, nato dall’impegno e dalla passione di tante persone, sarà fruito al meglio da chiunque passi, con i propri bambini, dal centro di Torino.

Se volete conoscere altri luoghi, in giro per la città, dove poter allattare o cambiare il pannolino vi segnalo allatTo.it creato da Valentina, una mamma toscana che vive a Torino dal 2007. Valentina ha voluto raccogliere in un unico sito una selezione di luoghi, suddivisi per quartiere, da lei sperimentati dove poter allattare o cambiare il pannolino (locali, bar, negozi, farmacie, parchi, etc.). È felice di ricevere altre segnalazioni, così ho deciso di scriverle, certa che aggiungerà con piacere al suo elenco il nuovo bellissimo punto Piemonte family friendly inaugurato a Palazzo Lascaris.

Diffondiamo la voce! 😉

Buon sabato, Elisa

Non lo sapevate? Pinocchio si è trasferito in Piemonte!

Ho sempre amato la storia di Pinocchio. Da piccola, bloccata a casa per parecchi giorni causa una brutta influenza, avevo ricevuto come regalo da mio padre un bel burattino tutto di legno snodabile e il libro, che ancora possiedo e ho già iniziato a leggere a Teo.

Anche a voi appassionava la favola di Pinocchio? Avete bambini a cui proporre una gita speciale? Allora Vernante è una meta che fa per voi!

Vernante, a circa 20 km da Cuneo e 6 da Limone Piemonte, quasi al confine con la Francia, è un piccolo paese “porta di accesso” all’alta Val Vermenagna. 

Per quale ragione questo borgo è l’unico al mondo con i murales di Pinocchio dipinti sui muri delle proprie case, una specie di grande libro illustrato per la gioia di grandi e piccini? Perchè proprio qui trascorse gli ultimi anni della sua vita il pittore, illustratore e fumettista torinese Attilio Mussino.

autoritratto-di-attilio

Mussino era un artista formatosi all’Accademia Albertina, specializzato soprattutto in libri e riviste per bambini (fu collaboratore del Corriere dei piccoli a partire dal primo numero del 1908 fino al 1954, anno della sua morte). Il suo lavoro più celebre è rappresentato proprio dalle illustrazioni de “Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino” di Carlo Collodi nell’edizione del 1911. Mussino vi lavorò per tre anni, presentando poi la sua opera all’Esposizione Internazionale di Torino, dove ottene il diploma d’onore e la medaglia d’oro.

Grazie ai suoi disegni, la figura di Pinocchio ebbe nuova vita e, per la prima volta, colore; le illustrazioni precedenti alle mussiniane, erano, infatti, in bianco e nero. Mussino riuscì a portare il burattino di Collodi dentro la grande illustrazione europea del Novecento; la sua edizione è stata la più ristampata e venduta, molto apprezzata per la capacità dell’artista di penetrare il testo e renderlo leggibile attraverso il disegno.

Dopo la morte al fronte del suo unico figlio, durante la seconda guerra mondiale, e quella della prima moglie, avvenuta poco dopo, Mussino si trasferì a Vernante con la collaboratrice di casa, Margherita, originaria del paese del cuneese, che divenne la sua seconda consorte. La donna convinse il marito a tornare a dipingere.

Fu un grande successo: non solo l’artista riprese in mano i pennelli ma, addirittura, il suo studio, sito nella strada principale del paese (in Via Umberto I, al numero 85), diventò una scuola gratuita per tutti coloro che desideravano apprendere l’arte del disegno e della pittura.

Mussino trascorse in questa piccola località gli ultimi anni della sua vita, dal 1944 al 1954, ben voluto da tutti tanto da essere ricordato affettuosamente come lo “zio di Pinocchio”. Presso il cimitero del paese la sua tomba è vegliata da un Pinocchio che piange.

A partire dal 1989, alcuni abitanti di Vernante cominciarono a dipingere scene tratte dalle avventure di Pinocchio sui muri delle case, rifacendosi fedelmente al lavoro del Maestro. Oggi, oltre 150 murales decorano le strade del centro storico, creando una suggestiva visione e regalando un aspetto decisamente fiabesco al paese.

Il mio Pinocchio ❤

Vernante ha dedicato a Mussino anche un piccolo Museo, al suo interno sono state raccolte alcune delle sue opere lasciate in eredità al paese dalla seconda moglie dell’artista, tra cui la prima edizione illustrata del Pinocchio del 1911.

Vernante è solo uno dei numerosi paesi dipinti che si possono scoprire girovagando per la nostra regione e per l’Italia. In questo post  vi avevo già parlato della nostra gita ad Usseaux, in Alta Val Chisone; se poi volete scoprire altri paesi con murales vi segnalo il sito di un’associazione di cui ho scoperto l’esistenza di recente: l’Assipad (Associazione italiana paesi dipinti), che cerca di sostenere il turismo in questi centri, a volte molto piccoli e quasi sconosciuti, promuovendo l’insolito e prezioso patrimonio che possiedono.

Durante la nostra gita a Vernante di qualche settimana fa, per goderci la giornata di sole, abbiamo preferito mangiare all’aperto (in direzione Val Grande c’è un’area pic-nic con tavoli e fontane), comprando pizza e dolcetti nel forno vicino alla chiesa principale del paese (la bellissima Chiesa di San Nicolao).

Dopo pranzo abbiamo continuato il giro alla scoperta del paese – ogni angolino nasconde un affresco – e poi siamo andati ai giardini vicino agli impianti sportivi comunali e al cimitero. Il muro esterno del camposanto, confinante con il parco, è stato decorato, con l’aiuto degli alunni della scuola media, da un nuovo lunghissimo e bellissimo murales. 

Assolutamente da non perdere!

Prima di salutarvi, vorrei ancora parlarvi di una mostra, piccola ma davvero ricca e interessante, appena inaugurata nella Galleria Spagnuolo di Palazzo Lascaris (sede del Consiglio regionale del Piemonte in via Alfieri 15 a Torino), dal titolo: “Pinocchio, diritti e rovesci di un bambino di legno”.

image.png

Questa mostra è anche un’occasione per parlare di diritti dell’infanzia in vista del prossimo 20 novembre, Giornata internazionale dei Diritti dei Bambini.

L’esposizione raccoglie opere pittoriche, grafiche, oggetti e pubblicazioni originali legati al personaggio ideato da Collodi, provenienti da varie collezioni private. Ci sono opere di Luzzati, Musante e di molti altri artisti. Anche un Pinocchio dal set dello sceneggiato televisivo di Comencini del 1972.

Apre la mostra un video intitolato “Pin-Occhio”, in cui sono stati raccolti brani di film, opere teatrali e video clip sul burattino più famoso del mondo.

La mostra, organizzata dall’Associazione culturale Magica Torino, è visitabile dal 7 novembre al 7 dicembre 2017 con orario 9 – 17 dal lunedì al venerdì (ingresso gratuito). 

Numerose sono le interpretazioni date alle intenzioni affidate da Collodi al suo personaggio: pedagogiche, idealistiche, teologiche, antropologiche, psicoanalitiche, esoteriche, ma l’affermazione di Benedetto Croce è forse quella più veritiera: 


“Il legno, di cui è tagliato Pinocchio, è l’umanità”.

Pinocchio è, senza dubbio, il figlio che nessuno vorrebbe avere: disubbidiente, bugiardo, anarchico, ribelle, violento, irriverente, a volte cinico, amorale, opportunista, assassino, quando colpisce con una martellata il Grillo Parlante per zittire la coscienza scomoda, un delinquente che finisce in prigione, non ama studiare, marina la scuola e si fa influenzare dalle cattive compagnie.

Nel leggere o rileggere le sue avventure, ancora oggi ci si pone l’interrogativo: se Pinocchio fosse stato un bravo burattino sarebbe diventato ugualmente un bambino in carne ed ossa?

Dunque la provocazione di Collodi potrebbe essere: quanto “male” occorre per essere o diventare umani?

Ciao, Elisa

 

 

 

 

 

 

    

Malawi Beach, la nuova spiaggia africana di ZOOM

Domenica scorsa, grazie all’opportunità offerta da @igerstorino e @zoomtorino, siamo tornati in questo bellissimo parco per conoscere Malawi Beach, il nuovo habitat acquatico interamente dedicato all’esperienza con i ciclidi, coloratissimi pesci tropicali, e ad una visione subacquea degli ippopotami.

Malawi-Beach_Panoramica.jpg

Per chi non lo conoscesse ancora, ZOOM è il primo Bioparco immersivo italiano, dove gli animali sono appunto “immersi” nella natura, senza gabbie, né reti, in ambienti molto simili ai loro habitat originali. A ZOOM si entra nel cuore dei grandi parchi africani e asiatici e, grazie ad esperti biologi e ornitologi, si imparano tante curiosità sugli aspetti di vita e di comportamento delle specie animali ospitate.

Il motto di ZOOM è “Conoscere per Conservare”. Conoscere da vicino un mondo affascinante ma anche seriamente a rischio di estinzione e imparare a proteggerlo. Le biologhe e i biologi che lavorano nel parco sono, infatti, attivissimi nel sensibilizzare le persone che lo visitano sui comportamenti umani sbagliati che, molto spesso, minacciano la salvaguardia degli animali e la conservazione dell’ambiente.

Allo ZOOM, noi tutti, adulti e bambini, possiamo, attraverso la conoscenza e piccole esperienze, comprendere quanto è importante conservare e voler bene al pianeta che ci ospita.

 

Ritornando alla novità del 2017, Malawi Beach – che riproduce l’habitat dell’omonimo lago africano grande quasi quanto l’unione della Liguria e della Lombardia, simbolo di biodiversità e dichiarato patrimonio dell’Unesco – va così ad affiancarsi a Bolder Beach, la baia di ZOOM dove si può nuotare vicino ai pinguini.

La costruzione di Malawi Beach ha richiesto molti mesi di progettazione e realizzazione, un lavoro impegnativo che ha coinvolto ingegneri, studi di architettura paesaggistica, biologi marini e acquaristi.HALLOWEEN

La nuova esperienza è stata bellissima: nella Fish Bay abbiamo nuotato in mezzo a migliaia di pesci tropicali colorati. Questa è una attività a numero chiuso che dura circa 20 minuti, soggetta a prenotazione e non adatta ai bambini sotto i 6 anni. Per fortuna Teo e il cuginetto sono stati intrattenuti dalla dolcissima Elisa di ZOOM, così abbiamo potuto immergerci tutti insieme. Presto sarà possibile anche l’esperienza del feeding delle razze, ovviamente sempre alla presenza di un biologo marino.

IMG_20170703_002737_864.jpg

Dopo il bagno tra i pesci tropicali, ci siamo immersi nell’altra piscina del nuovo habitat, aperta a tutti, dove, grazie a dolci correnti, siamo arrivati fin dentro la grotta degli ippopotami, Lisa e Zemaria. Vederli attraverso un vetro, così vicini, nuotare sott’acqua buffi e leggeri, è stato divertente ed emozionante.

Vi lascio immaginare la gioia dei bambini!

24062017_Lago_Malawi_inaugurazioneDSC_0198
da sito di ZOOM

20170702_152507

20170702_182215.jpg

E’ stata davvero una bellissima giornata, ancora più gioiosa perchè trascorsa insieme al papà, al cuginetto e agli zii.

Una giornat anche piuttosto rilassante (nonostante il pupo super vivace, che voleva stare a mollo senza mai uscire!) perchè il Parco, sebbene sia sempre molto frequentato, è grande e con ampie zone riparate dal sole. Si riesce sempre facilmente a trovare qualche angolo di tranquillità sotto gli alberi.

 

20170702_170127.jpg
Nanna al fresco degli alberi

Se volete vedere le foto, condivise dagli organizzatori e dagli altri partecipanti all’evento, gli hashtag della giornata sono stati: #MalawiBeach, #ZOOMTorino, #ZOOMEffect e, naturalmente, #igerstorino.

Vi lascio con alcune informazioni utili e con qualche foto delle nostre precedenti gite a ZOOM. Il Parco è bellissimo e interessante in tutte le stagioni!

Informazioni utili: ZOOM si trova a Cumiana, in strada Piscina 36. Per informazioni su costi o altro vi rimando al sito. Vorrei solo aggiungere che, disseminati per tutto il Parco, non mancano punti di ristoro, oltre che zone di prato per pic-nic e una bella area giochi dove i bambini possono scatenarsi. I bagni sono attrezzati con fasciatoi. Per chi utilizza anche le piscine, ci sono spogliatoi e docce calde. C’è la possibilità di noleggiare ombrelloni e lettini. Insomma, tutto davvero ben organizzato e comodo anche per le famiglie.

Ciao, ciao! Elisa

IMG-20170705-WA0010

IMG-20170705-WA0006

IMG-20170705-WA0005IMG-20170705-WA0007

A Porta Palazzo per il 15° Worldwide Instameet di Instagram. E’ stato bello far parte di questo cuore!

Ogni persona che incontri sta combattendo una battaglia di cui non sai nulla. Sii gentile. Sempre.
(Platone)

Cos’è per voi la gentilezza? Per me è una forma altissima di intelligenza, di intelligenza sociale, che non c’entra nulla con la bontà o con l’amicizia, né con la semplice cortesia.

Ci vuole intelligenza per essere davvero gentili. Alcuni l’hanno definita una intelligenza del cuore per cercare di spiegare quell’atteggiamento che nasce dal profondo dell’animo e si traduce in gesti concreti positivi.

La gentilezza pura, infatti, va al di là delle cosiddette buone maniere, nasce da una reale disposizione interiore ed è in grado di far cadere resistenze e pregiudizi, di aprire porte che altrimenti resterebbero ben chiuse. Questo perché è certamente più semplice e spontaneo essere gentili con gli amici, con chi si stima e ama o con chi sentiamo più vicino e simile a noi, tutt’altra cosa è essere gentili e solidali con chi ci appare distante o differente.

Proprio la gentilezza, la solidarietà e il rispetto sono stati i temi del Worldwide Instameet che si è appena concluso. Quest’anno, infatti, nel week end del 25 e 26 marzo, siamo stati invitati da Instagram, in ogni parte del mondo, a condividere foto e pensieri su questo bellissimo tema, quanto mai attuale e importante.

A Torino, gli attivissimi local manager di @igerstorino e @igers_piemonte hanno pensato di organizzare lo scorso sabato un evento, anche questa volta totalmente gratuito, alla scoperta del quartiere di Porta Palazzo, senza dubbio uno dei quartieri multietnici più interessanti della città, fortemente caratterizzato dalla presenza del mercato all’aperto più grande d’Europa.

L’evento è stato realizzato grazie al sostegno della Compagnia di San Paolo e con l’aiuto delle guide turistiche di Migrantour di Viaggi Solidali, che organizzano itinerari urbani interculturali accompagnati da migranti.

Il punto di ritrovo era la Residenza Temporanea Porta Palazzo Luoghi Comuni (qui il sito), frutto di un progetto di housing sociale promosso dalla Compagnia di San Paolo in collaborazione con l’Ufficio Pio, che offre soluzioni abitative (13 monolocali e 14 bilocali) per un periodo di tempo che va da 1 giorno a 18 mesi a persone con percorsi ed esigenze differenti (lavoratori provenienti da fuori Torino; persone che si recano a Torino per visitare o utilizzare i servizi della città; persone in situazione di emergenza o stress abitativo).

Non conoscevo questo bellissimo progetto che si distingue per almeno due aspetti qualificanti: i prezzi calmierati e il coinvolgimento attivo di chi abita la Residenza.

L’idea è quella di promuovere la conoscenza reciproca e lo scambio, coinvolgendo gli abitanti nell’organizzazione delle attività e nella cura degli spazi comuni. Proprio in questi spazi sono organizzate attività ed eventi aperti a tutti, con un programma ricco e interamente gratuito.

Nel complesso Porta Palazzo Luoghi Comuni sono attivi anche un Tour Operator, un Social CAF e la Pescheria Gallina (che vi consiglio assolutamente, ottima la frittura di pesce!).

Dopo il coffee break di apertura  siamo partiti alla scoperta del quartiere. Porta Palazzo è un crocevia di volti, odori, immagini e sensazioni: attraversando Piazza della Repubblica si passa dal Piemonte al Sud Italia, dalla Romania alla Cina, dal Maghreb al Sud America.

Edmondo De Amicis scriveva che per vederla in tutta la sua bellezza bisogna capitarvi una mattina di sabato, in pieno mercato e che uno Zolà torinese potrebbe mettere lì la scena di un romanzo intitolato Il ventre di Torino.

La nostra guida è stata Mirela, arrivata dalla Romania più di dieci anni fa. Ci ha raccontato che i primi tempi sono stati difficili, soprattutto per la paura di non integrarsi in un ambiente ancora sconosciuto. Pian piano, però, ha trovato lavoro, ha imparato la lingua e ha conosciuto tantissime persone, sia italiane che straniere, che l’hanno aiutata a sentirsi a casa anche qui. Ora ha due lavori che la rendono orgogliosa e felice (la mediatrice interculturale in un ambulatorio e la guida migrante a Porta Palazzo) e si sente italiana quanto rumena.

La passeggiata ci ha portati alla scoperta di sapori e usanze vicine e lontane, grazie ad un itinerario che ha toccato diversi luoghi: le Porte Palatine, uno dei simboli della città; la Galleria Umberto I, nata da una corsia di un vecchio ospedale, oggi un affascinate passage in stile parigino che quasi si nasconde agli sguardi e, una volta trovato, sorprende per la sua bellezza ed eleganza; varie aree del mercato, nonché negozi e spazi aperti a tutti, bellissimi e importanti.

Uno di questi è lo Spazio ZeroSei–La Scatola delle Buone idee, in Via Milano 20, con entrata sulla piazza (ne ho parlato meglio in questo post), nato nel 2014, sempre su iniziativa della Compagnia di San Paolo, allo scopo di arricchire le offerte della nostra città con un luogo dove i bambini di questa fascia d’età potessero trovare un ulteriore spazio per la socializzazione e la sperimentazione.

Con Teo lo frequentiamo con una certa assiduità da diverso tempo, da ultimo in occasione della Festa del papà e poi proprio sabato scorso, quando, nel pomeriggio, abbiamo partecipato al divertente laboratorio a tema: “Volevo un gatto nero”.

2017-03-28 12.41.43
Teo piccolo pittore 😉

Terminata la visita ai locali dello Spazio ZeroSei, ci siamo immersi nel mercato, nella fitta distesa di tende che lo caratterizza che, vista dall’alto, crea un’immagine davvero suggestiva.

Torino-PortaPalazzo-mercato

 

La sensazione è quella di essere sotto un unico, enorme, tendone, completamente avvolti da profumi, colori, volti e voci.

Nella parte di mercato al coperto (sotto la bellissima struttura metallica illuminata dalla frase amare le differenze realizzata, come messaggio di pace, da Michelangelo Pistoletto con luci al neon colorate in 39 lingue del mondo) la nostra tappa è stata una macelleria rumena.

Mirela ci ha parlato dei piatti tipici della sua terra, caratterizzati da sapori intensi e speziati che variano a seconda della regione e sono stati influenzati, nel corso del tempo, dal susseguirsi della presenza di molte popolazioni (latini, germani, turchi, slavi, ebrei, armeni, greci e rom).

IMG-20170704-WA0005

Sotto la tettoia dei contadini abbiamo, invece, conosciuto Gianni Lana, il profeta del peperoncino, una vera istituzione in questa parte di mercato, la cui famiglia da tre generazioni vende a Porta Palazzo i prodotti dell’azienda di Rivalba. A settembre il suo banco è invaso da molte varietà di peperoncini, alcune delle quali sono il frutto di semi donati da clienti di ritorno da viaggi in ogni parte del mondo.

Gianni ci ha fatto conoscere il levistico (dal latino levare, probabilmente perché si riteneva che potesse togliere tutti i mali) anche conosciuto come prezzemolo dell’amoresedano di monte. E’ una pianta erbacea originaria delle montagne dell’Iran che nell’aspetto ricorda il nostro sedano, meno nel gusto che è molto più forte ed incisivo. Il  levistico è l’ingrediente finale di un piatto tipico della cucina rumena, preparato e consumato frequentemente sia in casa che fuori: la ciorba, una zuppa di carne e verdure.

Altra tappa è stata una macelleria marocchina su piazza della Repubblica, all’incrocio con corso Giulio Cesare, dove Mirela ci ha parlato, tra le altre cose, della macellazione tradizionale islamica, della cucina marocchina, degli usi e benefici dell’olio di argan. In questo luogo è infatti possibile trovare, oltre alla carne, moltissime altre cose come diversi tipi di cous-cous, tè e farine speciali, prodotti per il corpo come l’argan, l’acqua di rosa e tutto ciò che serve per fare i tatuaggi all’hennè.

Il punto di arrivo del nostro tour è stata la sala-laboratorio Arcabalenga, dove @Deliveroo_italy (che di recente è sbarcato a Torino!) e @Shopiemonte ci hanno offerto il pranzo e fatto gustare prelibatezze della nostra regione per un momento conviviale rilassante e molto piacevole. E’ stato bello fare nuovi incontri e conoscere dal vivo persone seguite, fino ad ora, solo su instagram! 🙂

 

Anche Arcabalenga è stata una bella scoperta. E’ un’ex osteria che si trova al numero 8 di via San Giovanni Battista de La Salle, sempre nel quartiere di Porta Palazzo.

GG-arcabalenga-torino.jpg
da giovanigenitori.it

E’ un ampio locale con una sala, una cucina e un laboratorio. Dal 2011 è gestita dall’associazione di vicinato Fuori di Palazzo come strumento per realizzare gli obiettivi dell’associazione e come spazio a disposizione dei vicini per fare rete e promuovere lo scambio e la condivisione (di oggetti, interessi, competenze, tempo).

 

Il mio piccolo blog è nato soprattutto per condividere informazioni per conoscere e vivere Torino (e non solo) dal punto di vista dei bambini e delle famiglie, pertanto mi fa piacere segnalare che tutte le settimane, di martedì dalle 17 alle 19, Arcabalenga organizza uno spazio bimbi. Se abitate in zona e volete fare un salto, le porte sono sempre aperte!

Prima di salutarvi, vorrei ancora dirvi che se volete vedere le bellissime foto, condivise dagli organizzatori e dagli altri partecipanti all’evento, gli hashtag della giornata sono stati: #WWIM15, #WWIM15TORINO, #eccounagioia). Se siete interessati alle visite di Migrantour, qui potete trovare tutti gli itinerari di Torino.

Ho scoperto, con piacere, che tra le proposte c’è anche Borgo San Paolo, il quartiere in cui vivo praticamente da sempre. Non sarebbe male replicare l’esperienza per conoscere il mio borgo da una prospettiva diversa. 😉

La cosa più bella di questa giornata è stata, senza dubbio, quella di poter vedere questi luoghi noti con occhi nuoviTra l’altro, è una passeggiata molto adatta anche ai bambini, per imparare fin da piccoli a vivere la città, soprattutto alcuni suoi luoghi, con positiva curiosità, apertura e fiducia.

Ah, dimenticavo…se vi va, qui trovate il mio post sul primo evento organizzato da @igerstorino al quale ho partecipato con Teo: l’InstawalkCampidoglio, una passeggiata fotografica alla scoperta di Borgo Campidoglio, una delle zone più originali e creative della città.

Ciao, Elisa

Io non conosco nessun altro segno di superiorità nell’uomo che quello di essere gentile.
(Ludwig van Beethoven)

17438964_1694285757530866_2577653725392797696_n
@luccico

Usseaux e le sue borgate. Una bella passeggiata a misura di bambino in Piemonte.

Lo scorso 5 marzo è stato il compleanno di mia madre, Nonna Fortuna (Nonna Tuna per Teo).

Per quasi una settimana mi sono scervellata alla ricerca di un posto carino in montagna, dove andare per una gita fuori porta, per godere di qualche ora di aria buona a contatto con la natura e festeggiare in maniera diversa dal solito.

Un posto che potesse conciliare le esigenze di tutti: non troppo lontano da casa (perché bimbi e nonni per molto tempo in macchina non li trattieni, anche se devo ammettere che per ora Teo regge benissimo i viaggi, sarà che dopo le oltre 18 ore di macchina per andare in Sicilia qualsiasi altro spostamento gli sembrerà una veloce passeggiata) e, soprattutto, lontano dal caos delle piste da sci.

Ecco che (ben consigliata!) ho scelto l’Alta Val Chisone.

Qui, a poco meno di ottanta Km da Torino, si trova un gioiellino di nome Usseaux, un piccolo comune montano collocato all’interno del Parco Orsiera-Rocciavrè, meglio conosciuto come la borgata del pane e dei murales, a circa 1.400 metri di altitudine.

2017-03-10 12.09.25

Usseaux è uno degli undici Borghi più belli d’Italia della nostra regione, inoltre fa parte dei Borghi accoglienti con Bandiera Arancione del Touring Club Italiano. Si tratta di località eccellenti dell’entroterra italiano, a misura d’uomo, tutte da esplorare, perfette per un week end fuori porta o un breve soggiorno; luoghi ancora poco conosciuti, resi speciali dalla grande attenzione per la sostenibilità ambientale, la qualità dell’accoglienza e la tutela del patrimonio artistico e culturale.

2017-03-10 11.51.24

La storia di Usseaux è molto affascinante. Il paese fu attraversato nei tempi antichi da Giulio Cesare, il quale lo cita nel De Bello Gallico. Nei secoli di storia, Usseaux ha vissuto molteplici esperienze: il Delfinato, il Regno di Francia, il Ducato dei Savoia, le guerre tra Francesi e Savoia (battaglia dell’Assietta del 1747), nuovamente il dominio francese, l’impero napoleonico e le guerre di indipendenza che portarono, nel 1861, all’unità d’Italia. Usseaux ha fatto parte della regione alpina transfrontaliera degli Escartons (1343-1713) e per secoli ha condiviso la presenza di due comunità di fede diversa, quella cattolica e quella valdese.

Usseaux, che ci ha accolti con tanta neve, un magnifico cielo blu e una meravigliosa quiete, è un paesino splendido con le sue stradine lastricate, le fontane e i lavatoi in pietra, i cortiletti, il forno della comunità, il mulino ad acqua per cereali ancora funzionante (nella stagione estiva  è aperto in alcuni giorni per visite libere), le stalle e, naturalmente, i bellissimi murales.

TNX-12721-usseauxmurale

I bambini si divertiranno andando alla ricerca delle pitture che si nascondono lungo le viuzze, dietro agli angoli o sotto ai cornicioni.

murales (i cui temi spaziano dalla vita contadina al mondo della natura e degli animali, fino a contemplare personaggi di fantasia e delle favole) sono circa una quarantina…provate a scovarli tutti girando in lungo e in largo questo bellissimo borgo!

Per Teo è stata un’esperienza nuova e divertente, anche grazie all’abbondante nevicata del giorno prima. 😉

piemonte_z6xep.T0

A circa 1 Km da Usseux si trova la frazione di Balboutetla borgata del sole, delle rondini e delle meridiane. Questa piccola località ospita, infatti, una ventina di meridiane disposte lungo le vie interne. Mi hanno raccontato che durante la primavera le vie sono da percorrere con il naso all’insù poiché sono numerosissime le rondini che rallegrano il cielo.

Per pranzo siamo poi scesi a Laux, che si trova sempre a poca distanza da Usseaux. 

La frazione di Laux è piccolissima e deliziosa, un minuscolo paese di case in pietra e legno a cui si arriva dopo una breve strada immersa nel bosco, sembra quasi un villaggio delle favole. Viene definita la borgata dell’acqua per la presenza di un piccolo lago alpino noto per le sue acque verdi. Noi, invece, lo abbiamo ammirato completamente coperto da una spessa coltre di neve: un panorama altrettanto affascinante!

Sul lago si affaccia l’Hotel Ristorante Lago del Laux dove abbiamo pranzato e festeggiato il compleanno della nonna. Il locale è accogliente, molto curato e riscaldato da un bel caminetto scoppiettante. Propone piatti tipici piemontesi e occitani con menù à la carte.

Teo ha gradito la pasta fresca al ragù di montagna, noi le gustosissime calhiette alla moda del Laux. Sono delle specie di palle a base di patate di montagna grattugiate a crudo, unite ad un soffritto di porri, dadolata di lardo, farina e uova solo per amalgamare. Vengono cotte in acqua con gusti per almeno un’ora e poi servite condite con burro di montagna aromatizzato e parmigiano. Davvero notevoli!

L’hotel è una delle strutture del circuito Charme e Relax di cui fanno parte alberghi di particolare fascino. In origine era una casa di villeggiatura edificata a inizio ‘900 e poi ampliata dai Salesiani nel 1934. E’ divenuta albergo nel 1984.

La vista è meravigliosa, posso solo immaginare quanto sia bello e poetico questo posto anche in primavera o in estate. 😉

Dopo pranzo avremmo voluto fare ancora un giro in direzione Sestriere per raggiungere le altre due borgate di Usseaux, Pourrieres (nota come la borgata dell’Assietta, dove è stato realizzato un percorso costituito da sagome con uniformi dei reggimenti combattenti nella battaglia del 1747) e Fraisse (conosciuta come la borgata del legno e dei boschi per la rigogliosa vegetazione e le sculture su pannelli in legno da scoprire lungo le vie), ma, a causa del vento, forte e freddo, abbiamo preferito fare ritorno verso casa, con l’augurio di tornare presto in questi luoghi.

Se in qualche modo ho solleticato il vostro interesse e state pensando di fare una gita per conoscere Usseaux e le sue borgate, potete reperire maggiori informazioni su ricettività, eventi e altre proposte, in inverno ed estate, consultando il sito dell’Alta Val Chisone (ecco qui il link).

Spero di tornare presto in questi bei luoghi, che ben due parchi naturali (l’Orsiera-Rocciavrè e il Gran Bosco di Salbertrand) rendono tra i più ricchi di flora e fauna delle vallate alpine piemontesi.

La prossima volta vorrei incamminarmi lungo uno dei tanti sentieri, provare un’altra trattoria che mi hanno consigliato (La Placette) e magari anche assaggiare il Plaisentif, il formaggio delle viole  una particolare toma che viene prodotta negli alpeggi dell’alta Val Chisone con il latte delle mucche del primo alpeggio, che si alimentano esclusivamente della flora locale, ricca di fiori ed aromi). 

Ciao, Elisa 🙂

Binaria è tante cose. Tutte bellissime!

Conoscete Binaria, il Centro Commensale del Gruppo Abele

Sono sicura di sì ma, se così non fosse, come descriverlo in poche parole? E’ uno di quei posti che sanno trasmettere calore e sentimenti positivi appena varcata la soglia.

E’ uno spazio bellissimo, luminoso e accogliente, allestito all’interno di una ex fabbrica (in via Sestriere 34 a Torino), che ha appena compiuto un anno di attività, festeggiato con una grande festa, alla quale abbiamo partecipato anche noi.

“Binaria” perché ha due stelle polari che si illuminano a vicenda: l’accoglienza e la cultura; “Commensale” perché nasce come spazio conviviale, come luogo dove si pensa (soprattutto e prima di tutto) alle persone e dove anche l’economia diventa veicolo di scambio culturale e strumento di bene comune.

Gli spazi di Binaria sono aperti a tutti (7 giorni su 7) e la programmazione è davvero ricchissima: laboratori, corsi, spettacoli teatrali, seminari, presentazioni di libri, mostre e concerti (mensilmente vengono pubblicati sul sito tutti gli appuntamenti, ecco quelli di marzo).

Binaria è tante cose, tutte bellissime! Scopritele con noi…

2017-03-09 15.23.54.png

Appena entrati vi accoglie Binaria Book, con la Torre di Abele, non una semplice libreria ma un luogo d’incontro e di discussione con l’obiettivo di favorire l’accesso al libro come strumento di conoscenza. C’è una attenzione particolare rivolta alle famiglie, infatti la scelta di libri per bambini e ragazzi è davvero ampia. Se avete tempo e desiderate ricevere qualche ottimo consiglio, questo è il posto giusto! Il Libraio mi ha lasciata letteralmente senza parole per la passione che trasmette, vi dico solo che conosce a memoria molti dei libri per bambini che propone.

2017-03-08 14.08.54

Vicino alla libreria c’è Binaria Bottega, dove è possibile trovare diversi prodotti agroalimentari e per la cura del corpo, tra i quali spiccano quelli delle comunità di recupero e quelli di Libera Terra, nati nelle cooperative sorte sui terreni confiscati alla mafia. Binaria ospita anche la Pizzeria Berberè dei fratelli Aloe, in uno spazio allegro e colorato, arricchito da simpatici wall paintings. La pizza è deliziosa e fa piacere sapere che una parte degli incassi contribuisce a sostenere i progetti del Gruppo Abele in giro per il mondo, perché “non si può mangiare qui se non si pensa a chi non può mangiare altrove”. Una ragione in più per provare, no?!! 😉

Berbere-Torino-inaugurazione-mattina-francesca-sara-cauli-2016-46.jpg

 

Devo ammettere, poi, che lo spazio molto ampio, la disponibilità di seggioloni, la qualità della pizza che arriva al tavolo già tagliata, la grande attenzione per la preparazione e gli ingredienti (farine biologiche, impasti con lievito madre a maturazione naturale, menù stagionale, etc.) ne fanno un posticino ideale per le famiglie (interessante è anche la formula happy monday o happy lunch con pizza e bevanda a dieci euro, coperto incluso 😉 ).

 

 

Infine (e direi soprattuttoBinaria è Binaria Bimbi, uno spazio gioco, privo di barriere architettoniche e accessibile su ruote, per bambine e bambini fino ai 12 anni, in cui trascorrere del tempo di qualità, giocando, leggendo o realizzando attività creative. Le proposte sono molteplici e tutte interessanti!

 

Con Teo stiamo frequentando Binaria da qualche tempo ma soltanto in orario pomeridiano e serale (in occasione di particolari eventi nel fine settimana lo spazio gioco è, infatti, aperto anche la sera) o per attività organizzate nel weekend (come Luckyleo di cui vi ho già parlato qui).

Questo perchè Teo frequenta il nido, ma sono sicura che se fossi a casa parteciperei volentieri ai Laboratori mamma/bimbo che si tengono ogni settimana di mattina dalle 10 alle 12, il martedì per neonati da 0 a 18 mesi e il giovedì per bimbi dai 18 mesi ai 3 anni. I piccoli hanno la possibilità di divertirsi e sperimentare con la musica, la circomotricità, con carta e colori, con il teatrino dei burattini, etc. 🙂

Interessanti sono anche i Laboratori ludici e di lettura che si svolgono sempre di martedì e giovedì ma di pomeriggio, dalle 16,30 alle 18,30. Questi laboratori sono rivolti a bambini più grandi (dai 4 ai 12 anni) ma con uno spazio gioco riservato anche ai più piccoli (0-3 anni) per permettere alle famiglie di frequentare con figli di diverse età. 

La cosa carina è che ogni mese cambia il tema delle attività proposte: marzo è dedicato alla Pace (quella cosa che non basta mai); aprile sarà il mese dei colori; maggio delle fiabe (ancora una storia e poi un’altra); giugno vedrà protagonista le emozioni (fuori e dentro di me) e, infine, a luglio si parlerà e giocherà con il corpo (storie di mani e piedi scalzi).

Lo scorso 30 gennaio, poi, è partito, con cadenza quindicinale, lo Spazio Nonni  (di martedì alle 18,30) un momento da condividere con i nipoti per valorizzare le capacità e le competenze delle nonne e dei nonni con l’obiettivo di costruire un gruppo di riflessione tematico animato da Luciano Tosco, pedagogista e, soprattutto, nonno. In realtà si può partecipare anche se si è aspiranti o futuri nonni e zii. Insomma, un ulteriore momento di incontro molto aperto! 😉

Allo scopo di offrire occasioni anche ai papà, Binaria Bimbi ha pensato di dedicare alcuni sabato mattina a Laboratori papà/bimbo 0-6 anni per sostenere la genitorialità maschile. L’idea alla base è che la condivisione di esperienze intense e positive tra padri e figli, al di fuori della quotidianità, possa contribuire a creare una relazione intensa già in età precocissima. 

 

Le attività sono tutte gratuite. E’ necessario, però, iscriversi scrivendo una mail a genitoriefigli@gruppoabele.org oppure telefonando al numero 011-3841083 e sottoscrivere una tessera annuale del costo di 25 euro che serve a sostenere tutte le attività offerte. Binaria Bimbi è un posto molto accogliente, per cui la tessera non è richiesta immediatamente, è possibile provare per poi decidere con calma. Anche questo è un punto a favore e, del resto, non potrebbe essere diversamente!

Ultimissima proposta, molto originale ed educativa, che ho piacere di segnalare riguarda le feste di compleanno. L’idea del Gruppo Abele è un percorso tutto centrato sulla bellezza di essere nati e sul valore degli amici: giochi e attività a tema costruite insieme alla famiglia per fare festa insieme perché la vita è degna di essere vissuta e tutto acquista più significato se viene fatto in condivisione!

Il compleanno, che dura circa tre ore, è animato da un gioco, una storia e un oggetto che resterà come ricordo dell’esperienza. Il prezzo della festa è di 150 euro (bambini di 4-5 anni max 15; bambini di 6-12 anni max 25), comprensivo di un buono di 20 euro da spendere nella libreria Binaria Book.

Ciao e a presto!

Elisa 🙂